GIOVANI INDUSTRIALI A S. MARGHERITA: “CI INTERESSA”

11
CONDIVIDI
marco-gay

marco-gayGENOVA. 5 GIU. E’ iniziata la due giorni di incontri a Santa Margherita presso il Miramare dei Giovani Industriali. Claim di quest’anno: “Ci interessa”.

Ad aprire l’incontro il leader Marco Gay che esordisce con un “Sfruttateci per le idee e non solo per le tasse”. E’ in questo quello che chiedono gli under40 di Confindustria alla politica.

Compito delle imprese è quello di un “confronto”, di poter esercitare una “responsabilità sociale e quindi politica”; “vogliamo partecipare, fare la nostra parte”… “Dobbiamo avere il coraggio di dire che il populismo è la più subdola delle tentazioni e non possiamo farcene scudo. Il sentimento dell’anticasta, forse, ha fatto il suo tempo”.

 

E’ già giunto il leghista Matteo Salvini con il neo eletto ligure Edoardo Rixi.

Mentre, nel pomeriggio, sono attesi Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia all’incontro “Sana e Robusta” e il ministro della Giustizia “Andrea Orlando”.

Sarà, invece assente, il vice presidente della Camera dei Deputati Luigi Di Maio che avrebbe dovuto partecipare all’incontro “Capitale Civico” presieduto dal Vicedirettore dell’Agenzia delle Entrate, Eduardo Ursilli.

11 COMMENTI

  1. I giovani industriali vogliono un MISE ospedale o di sviluppo?
    -Il MISE deve levarsi di dosso la cappa di assistenza industriale per divenire un vero Ministero Sviluppo dell’occupazione innovando le tecnologie industriali ma facendo approvare leggi pro sviluppo come al Senato USA su idroelettrico pompaggio e stoccaggi.
    -la riduzione delle bollette del 50% dovrebbe essere un dogma del Mise per assestarsi su 500 TWh di produzione elettrica(levando 100 TWh di importazione).Significa che dovremmo avere un hydro di pompaggio fiumi,laghi e flottante in mare sui 250 -300 TWh,questi prodotti a 20 euro il MWH che significa 5 volte meno del gas importato sui 100 euro a MWh.
    -La decarbonizzazione e la digitalizzazione industriale sono le grandi armi in dotazione al MISE che non puo’ delegare a Confindustria o Sindacati che spesso hanno interessi opposti.Confindustria in alcuni settori vitali non vuol decarbonizzare e nemmeno digitalizzare,i Sindacati perseguono solo politiche di occupazione in settori burocratici,paraburocratici senza indurre sforzi per migliorare le utilities che sono la parte piu’ arretrata del nostro apparato industriale-servizi ai cittadini
    -proprio ieri criticavo fortemente un manager a2a che chiedeva al Governo incentivi di capacity payments gas per le centrali gas che hanno disinvoltamente conguagliato con Edison e altri incentivi richiesti per inceneritori,al SUD,che non è la migliore tecnologia al posto del plasma rifiuti
    -se moltiplichiamo l’ignoranza energetica per le 7.000 utilities italiane,abbiamo un quadro non esaltante dello sfacelo industriale-servizi delle utilities che sommano 30.000 inutili consiglieri per 50 miliardi di perdite e senza soldi per investimenti,dato che i costi del board si mangiano i ricavi
    -le aggregazioni utilities non sono una priorità di Governo ed allora non possiamo dare al settore 100.000 givani occupati in piu’ con gli investimenti che servirebbero
    -analizziamo le tariffe imposte in energia ed i problemi relativi
    -il divieto di tagliare l’acqua anche ai morosi
    -la possibilità per tutti di avere un alloggio decente
    -gli incentivi casa danno sviluppo?
    -come si fa un controllo dei disoccupati dato che vogliamo dare reddito di cittadinanza o incentivi disoccupati?
    -come si crea rapidamente occupazione in Italia? La solozione migliore è 20 Resilience Smart Communities Regionali ma imperniate su digital manufacturing per 800.000 posti magari sommandoli alle aggregazioni utilities ,cioe’ 30.000 consiglieri politici in meno per 100.000 posti giovanili in piu’ e investimenti
    -tutte le relazioni sono effettuate su dati internazionali e francesi,validati dalla Associazione Economisti Francesi
    -uso pochi dati italiani perchè non li ho e quei pochi disponibili sono manipolati, come dire che diamo 12 miliardi di incentivi alle rinnovabili,quando solo 5 sono rinnovabili e 7 frammischiati con cip 6 fossile.

LASCIA UN COMMENTO