Home Cronaca Cronaca La Spezia

Giovani albanesi trovati morti, autopsia conferma cause

0
CONDIVIDI
Giovani albanesi trovati morti, autopsia conferma cause

LA SPEZIA. 28 MAG. Ieri pomeriggio è stata eseguita l’autopsia sui corpi dei due giovani morti dopo un tragico volo di quaranta metri all’interno di una cava dismessa dell’Acquasanta, alla Spezia.

Per entrambi, l’anatomopatologa ha certificato sia l’assenza di colpi d’arma da fuoco, sia le cause della morte, sopraggiunta a seguito delle lesioni riportate nella caduta.

Dall’esame autoptico il più giovane, il 19enne Fabiol Kycyku, sarebbe morto praticamente sul colpo, a causa delle fratture riportate alla testa, mentre il decesso dell’amico, un coetaneo connazionale ancora non identificato dai familiari, non sarebbe stato immediato.


L’atomopatologa ha prelevato alcuni campioni dal dna della vittima non ancora identificata, qualora fosse necessaria una comparazione con quello dei familiari.

Secondo gli investigatori, si tratterebbe di un albanese residente nel Napoletano.

I corpi dei due giovani erano stati ritrovati nella serata di mercoledì scorso, ma la morte dei due ragazzi risalirebbe alla notte tra la domenica e il lunedì precedenti, ovvero quando la coppia, secondo l’ipotesi degli investigatori, dopo aver tentato un furto in una villa situata sulla strada Litoranea, ha oltrepassato una recinzione per nascondersi tra la boscaglia, precipitando da un’altezza di oltre quaranta metri.

Ad avvalorare la tesi degli inquirenti anche l’abbigliamento indossato dai due ragazzi, abiti scuri e un paio di guanti, ma soprattutto lo zainetto ritrovato sulle spalle di una delle vittime, all’interno del quale sono stati ritrovati cacciaviti, un coltello, una mazza, una chiave inglese e alcune paia di guanti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here