Home Cronaca Cronaca Genova

GIOVANE ECUADORIANO MASSACRATO ALL’ALBA FUORI DA UNA DISCOTECA A DINEGRO: MUORE ALL’OSPEDALE. ARRESTATO L’OMICIDA, E’ UN CONNAZIONALE COETANEO

0
CONDIVIDI
pestaggio clochard

GENOVA 19 AGO. Una notte in discoteca, gli animi riscaldati dal clima torrido e presumibilmente dall’alcol, scoppia la lite violenta tra giovani ecuadoriani e si conclude nel peggiore dei modi: un omicidio e un arresto. Questa mattina a Genova, nel quartiere Di Negro, alla fermata dell’autobus in Via Buozzi, due agenti della questura liberi dal servizio hanno visto un giovane uomo a terra, un altro che lo prendeva a calci e altre sei persone che assistevano…alla “corrida” della morte.

Gli agenti sono così intervenuti, bloccando l’aggressore e chiamando rinforzi dalla Questura e i soccorsi del 118. Il giovane a terra era un ecuadoriano di 21 anni, l’aggressore un connazionale ventiduenne, della stessa età e nazionalità gli altri sei presenti.

Trasportato a sirene spiegate da un’autoambulanza della vicina Croce Celeste di San Benigno e ricoverato all’ospedale Galliera in gravissime condizioni, il ventunenne è morto intorno alle 10:30 sotto i ferri dei chirurghi dispertamente impegnati a limitare i danni del massacro. Emorragia cerebrale e lesioni interne irreparabili dai medici d’urgenza. Il suo aggressore è stato arrestato e gli altri sei ecuadoriani sono stati denunciati per favoreggiamento, perchè le loro dichiarazioni sono risultate incompatibili con quanto avevano visto i due agenti e con le lesioni letali riportate dalle vittima.


Il sudamericano deceduto si chiamava Roberto Moralez Miguez Dani e abitava in via Gaggero a Voltri. Il suo assassino è Jonathan Alexis Bravo, 22 anni, abitante in via Montello, a San Fruttuoso. Testimoni del fatto sono stati due poliziotti del Reparto Mobile, fuori servizio, che si trovavano a transitare in auto nella zona ed hanno notato Alexis mentre pestava Moralez già a terra. I due agenti sono intervenuti poco prima che lo stesso si allontanasse e raggiungesse i sei amici, che assistevano alla scena, bloccandolo senza che opponesse resistenza.

Ancora ignoto il motivo che ha scatenato la lite. Gli investigatori della Questura stanno ricostruendo la vicenda. Il corpo della vittima si trova ora all’Istituto di Medicina Legale dell’ospedale San Martino a disposizione del magistrato. La Polizia è stata per gran parte della giornata al lavoro per i rilievi in Via Buozzi nella zona del Terminal Traghetti, proprio presso l’ingresso del Metrò lato monte, dove si è consumata la tragedia.

I due ecuadoriani erano usciti all’alba dalla discoteca “Estrella”, dove si era svolta una festa di compleanno, e attendevano, intorno alle 5, un autobus alla fermata presso la stazione della metropolitana. Inquietante è il fatto che altri sei giovani siano rimasti ad assistere al pestaggio mortale senza intervenire. Qualcuno dovrà dare delle spiegazioni, non solo ai familiari e agli amici di Moralez Miguez Dani ma anche ai genovesi, per una morte così atroce e barbara…un altro episodio del “far west” della Genova notturna del Medio Ponente, quando calano le ombre e le scintille dilagano in esplosioni di folle violenza innescate da troppa birra.

Marcello Di Meglio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here