Home Economia Economia Genova

Genova meravigliosa, chiude pure la Rinascente: città non più interessante

80
CONDIVIDI
Rinascente Genova

Altro che città meravigliosa, come recita il “karma” del sindaco Marco Bucci. Per i vertici della Rinascente non è neanche interessante, al punto che l’anno prossimo chiuderanno i battenti. E’ di stamattina la comunicazione da parte dell’azienda alle organizzazioni sindacali, alle lavoratrici ed ai lavoratori, che entro novembre 2018 l’azienda lascerà vuote le vetrine della storica sede in centro.

“Una gravissima perdita per il tessuto commerciale del territorio e per l’intera città di Genova – spiegano le segreterie di Filcams-Cgil e di Fisascat-Cisl – che vede nuovamente sparire un’importante azienda, presente fin dal 1960, la quale ha scelto di chiudere e spostare il centro dei propri affari in altre città, adducendo come giustificazione il fatto che la piazza genovese da tempo non sia più interessante dal punto di vista commerciale.

Pertanto, considerate le varie problematiche quali il costo fuori mercato dell’affitto, gli scarsi introiti e i costi di gestione, ha deciso drasticamente di chiudere il magazzino. A nulla sono serviti i sacrifici fatti dai lavoratori, circa una sessantina, in questo lungo periodo che ha visto gli stessi in contratto di solidarietà da 5 anni, con le RSU e le Organizzazioni Sindacli coinvolte in un percorso insieme all’azienda di rivalutazione e condivisione di nuove strategie.


I sindacati hanno immediatamente chiesto un incontro alla proprietà per ripensare a questa scelta sconsiderata rivalutando la piazza, ripensando ad un’offerta commerciale e ad una ubicazione più attrattiva del punto di vendita genovese. Le segreterie dichiarano che metteranno in campo tutte le possibili soluzioni atte alla salvaguardia dei livelli occupazionali”.

 

80 COMMENTI

  1. Gia diversi anni fa girava voce che LA RINASCENTE era in difficoltà.
    Purtroppo la situazione commerciale negli ultimi 3/4 anni è gravemente peggiorata e le spese invece sono aumentate ,QUINDI NON RESTA CHE CHIUDERE FINTANTO CHE LA POLITICA NON DECIDE DI DIMINUIRE LA TASSAZIONE A CHI LAVORA.

  2. Neanche io era troppo cara per i figli degli operai poi ha continuato a esserlo anche se non si era più poverissimi per antica scelta di classe. Ma ci passavo ore e ore. Da piccolo su e giù lungo le scale mobili, più grande incantato dalle irraggiugibili commesse che vendevano profumi e gioielli al piano terra. Non ho mai mancato una puntatina alla Rinascente sotto Natale, come fosse un presepe. Chissà forse quest’anno comprerò qualcosa.

  3. Mah..l,autlet è fuori città…
    E ci devi andare in macchina ..un viaggio è una giornata che ti riduce uno straccio …x comprare merda…
    Ai miei tempi …si partiva da Sestri Ponente x andare un pomeriggio alla Rinascente…
    Speriamo ci ripensino…

Rispondi a Luigi Milanese Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here