Home Consumatori Consumatori Genova

Genova: l’assemblea dei giornalisti liguri approva il bilancio

0
CONDIVIDI
Il presidente dell' OdG della Liguria Filippo Paganini

GENOVA. 2 APR. Si è svolta in Via San Vincenzo, nel salone di rappresentanza del Circolo Unificato dell’ Esercito a Genova, l’assemblea annuale ordinaria dei giornalisti iscritti all’Ordine della Liguria. A convocarla è stato lo stesso presidente dell’ ordine ligure, Filippo Paganini, con lo scopo di approvare, sia il bilancio dl 2016, sia quello preventivo del 2017. Gli iscritti all’ordine presenti hanno approvato all’unanimità entrambi i bilanci.

L’ assemblea ha avuto anche lo scopo di discutere le problematiche relative alla formazione professionale e le ipotesi di riforma dell’ ordinamento della professione giornalistica.
Sono state anche presentate le relazioni annuali del Consiglio di Disciplina dei giornalisti della Liguria (Renato Sirigu), del tesoriere (Daniele Grillo)e dei Revisori dei Conti (Stefano Bigazzi, Gianfranco Sansalone e Marco Marcellino).

Durante il 2016 il Consiglio di Disciplina ha avuto soltanto 16 segnalazioni a dimostrazione che i giornalisti liguri operano con scrupolo, cura e rispetto della deontologia professionale.
Più di mille giornalisti liguri hanno completato regolarmente l’aggiornamento professionale previsto per il triennio 2014- 2016, mentre circa 600 sono quelli dispensati dal provvedere a questo espletamento. Circa 400 invece i colleghi che non hanno ancora provveduto a completare i corsi previsti. Se entro il mese di giugno non avranno provveduto a regolarizzare la propria posizione saranno colpiti dal provvedimento relativo al mancato obbligo formativo.
Attualmente in Liguria ci sono 1787 giornalisti in attività, di cui 590 professionisti, 1178 pubblicisti e 19 praticanti. Gli iscritti all’elenco speciale sono 153.
I corsi che sono stati attivati per offrire l’opportunità di aggiornamento professionale continuo sono stati già più di 500, alcuni sono ancora in corso ed altri ancora in via di definizione.
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here