Home Cronaca Cronaca Genova

Genova, focaccia gratis a De Ferrari: coda shock

102
CONDIVIDI
L'impressionante coda in Piazza De Ferrari per la focaccia gratis

GENOVA. 16 DIC. Numerose centinaia di persone, probabilmente migliaia, stipate in una infinita coda transennata a dir poco impressionante, che attraversava completamente piazza De Ferrari, tutte in attesa di tre piccoli pezzi di focaccia al formaggio gratis. Da mangiare rigorosamente in piedi, al freddo, o seduti per terra sui gradini di Palazzo Ducale. La crisi, purtroppo, è anche questa.

Ha avuto un’adesione massiccia, da parte dei cittadini genovesi, la bella iniziativa organizzata dalla Regione Liguria andata in scena ieri sera, appunto, in Piazza De Ferrari, in occasione della prima del Teatro Carlo Felice. Iniziativa che comprendeva lo splendido spettacolo piro-musicale, coi fuochi d’artificio ‘danzanti’ sulle note della Traviata, realizzato come sempre da Setti Fireworks, che ha raccolto meritatissimo unanime consenso ed entusiasmo, e la distribuzione gratuita di focaccia al formaggio di Recco e vini e spumanti, liguri doc naturalmente.

Era quindi prevedibile quanto giusta una partecipazione numerosa dei cittadini. Ma il chilometrico cordone umano che alle 19 di ieri sera, attraversava da parte a parte la piazza principale del capoluogo ligure, andando dallo stand allestito davanti a Palazzo Ducale, accanto all’albero di Natale illuminato, fino alla fermata dei taxi dalla parte opposta di De Ferrari, dal vero, era davvero impressionante. Circa un paio di migliaia di persone infreddolite, tutte compresse in una lunghissima, infinita lenta processione, tenuta faticosamente a bada da un nutrito servizio di sicurezza, per ottenere tre quadratini in numero di focaccia calda, seppur davvero squisita, e tre dita di vino a scelta. E pensare che bastava aspettare appena mezz’ora dopo la fine dello show pirotecnico per evitare attese e code e gustare il tutto in appena 5 minuti di attesa.


Ma la crisi, appunto, è anche questa.

M.F.

102 COMMENTI

  1. Mi permetto di dire: ‘La crisi è anche questa’. Va bene che in coda ci sarà stata anche gente magari un po’ meno benestante, ma la maggior parte era gente che sente: gratis gratis! E si mettono in coda come belinoni… Lo fanno anche a recco, bogliasco etc, e vi sembra che lì ci sia gente povera?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here