Home Politica Politica Genova

Genova elezioni comunali 2017, Luca Remuzzi (Lega): degrado eredità di anni di Sinistra

6
CONDIVIDI
Luca Remuzzi con Matteo Salvini ha incontrato i residenti del quartiere genovese di Begato

GENOVA. 5 GIU. “Non possiamo permettere che Genova rimanga nelle mani di chi è responsabile del degrado e dell’abbandono della città”. E’ categorico Luca Remuzzi, candidato della Lega Nord Liguria per il consiglio comunale alle elezioni amministrative di domenica 11.

Il 43enne genovese, che fa parte della coalizione a sostegno del candidato sindaco Marco Bucci, rilancia con determinazione l’idea di “più sicurezza e meno degrado” che è una delle priorità del programma di governo del centrodestra: “Sono deciso a realizzare quanto promesso e portato avanti da mesi con una campagna capillare del Carroccio sul territorio genovese, supportata da una raccolta di migliaia di firme”.

“Lotta al degrado, all’accattonaggio, alla movida violenta e all’illegalità, anche con lo stop al mercatino abusivo di corso Quadrio  – aggiunge Remuzzi – e quindi recupero degli spazi pubblici, implementazione dell’illuminazione pubblica, rilancio del tessuto commerciale dei quartieri, riqualificazione dell’impiantistica sportiva comunale, valorizzazione dei Forti di Genova”.


Non è tutto. Perché i progetti condivisi da Luca Remuzzi per il futuro di Genova includono pure una particolare attenzione all’ambiente, alla tutela e al decoro del paesaggio “obiettivi attuabili grazie alla realizzazione di una piattaforma online per segnalazioni in tempo reale fatte dai cittadini, che potranno così, in prima persona, denunciare direttamente le situazioni che richiedono un intervento prioritario del Comune”.

Tra gli altri interventi da fare, secondo Luca Remuzzi, c’è la manutenzione puntuale delle strade “abbandonate all’incuria da anni di governo del centrosinistra. Esistono zone dove i residenti sono costretti a vivere nel costante degrado e nell’incuria perché Tursi non è mai intervenuto. come i quartieri popolari totalmente abbandonati dalla giunta Doria-Crivello. In Regione il vento è cambiato. Ora bisogna cambiare rotta anche in Comune”.

M.F.

6 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here