Genoa, Suso “Domenica fantastica per me e per la squadra”

0
CONDIVIDI
Suso del Genoa
Suso del Genoa
Suso del Genoa

GENOVA 5 APR.  Il pallone per cuscino. Quello che viene consegnato a chi realizza una tripletta nella stessa gara. Non capita tutte le domeniche di andare a dormire dopo tre gol realizzati in un incontro di Serie A Tim. In questo campionato, prima di Fernandez Suso, c’era riuscito a settembre solo il fiorentino Kalinic in casa dell’Inter. E soltanto un altro spagnolo nella storia della Serie A aveva alzato le braccia al cielo tre volte in segno di esultanza: Luisito Suarez. L’ultimo genoano a firmare un’impresa simile era stato Diego Milito, nel derby del 3 maggio 2009 che rappresenta un primato nelle stracittadine della Lanterna.

Tre gol uno più bello dell’altro con l’arte magica del suo mancino con il Frosinone. Tre tiri nello specchio e tre reti su un totale di quattro conclusioni. Poi otto azioni d’attacco, un cross, un fallo fatto e tre palloni persi. Nove chilometri e mezzo percorsi come quarto della squadra, alla faccia delle apparenze e uscendo prima del tempo. “È stata una grande gioia aiutare i compagni, segnare tre gol e migliorare in questo modo la classifica” dice Fernandez. Su di lui si erano posati gli occhi degli osservatori del Grifone ancora prima che prendesse corpo il trasferimento al Milan.

Il Genoa si è specializzato nel rilanciare talenti che devono solo ritrovare la via maestra per fare esplodere i propri colpi. Sono troppi gli episodi in questi anni per parlare di semplici coincidenze. “Ho avuto la fortuna di trovare un grande gruppo e un ottimo tecnico come Gasperini, c’erano le condizioni per mettere a disposizione le mie qualità. Ogni settimana però si azzera tutto e bisogna confermarsi. L’importante è centrare gli obiettivi collettivi, contano più delle soddisfazioni personali, che non guastano”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO