Genoa, Rincon “Che gioia la vittoria nel derby”

0
CONDIVIDI
Genoa
Genoa
Genoa

GENOVA 11 MAG. Tomas Rincon fa pressing, imposta, segna. I cambi di ruolo non fanno più notizia. Gioca dappertutto e lo trovi ovunque. Anche alla cena di domenica con compagni e mogli. “Con Tino Costa di passaggio”. Il derby? “E’ stata una gioia devastante. E una soddisfazione vincerlo in quel modo. Quando siamo rientrati, alla fine, c’è stato solo qualche scherzo. Abbiamo giocato con determinazione e carattere, arrivavamo primi sulla palla. Penso che la condizione atletica sia sta una delle chiavi. Stiamo bene e si è visto”. Sotto quella Gradinata versione Maracanà, ha letto negli sguardi dei tifosi cosa significhi la felicità. Tre dita puntate verso il cielo. “A Genova il derby è sentitissimo, è la partita dell’anno”.
Di anno in anno, di squadra in squadra. A fine campionato dovrà sgobbare, altro che sedie a sdraio e occhiali di marca. “Con il Venezuela disputeremo delle amichevoli”. Ma in fondo in fondo a lui piace faticare. Rimboccarsi le maniche è una specialità della casa e le sue braccia sono a disposizione. Oggi a Pegli ritirerà tra l’altro il premio intitolato a Paride Batini, lo storico presidente dei ‘camalli’ della Culmv, assegnato dalla Asd Genova Calcio. Un grande genoano. “Chi lavora sulle banchine del porto fa qualcosa di eroico. Mi sento vicino a chi suda e lotta. In campo e nella vita”. Averlo preso a parametro zero è una medaglia al valore sportivo dello scouting del Genoa. Che colpo! “Ci tenevamo al derby e al primato cittadino. Ora concentriamoci per vincere con l’Atalanta e mantenere il decimo posto”. Siete tutti arruolati per la prossima al Ferraris, per sostenere i propositi del ‘General’. Agli ordini non si può dire di no. Non fatelo incavolare.

LASCIA UN COMMENTO