Home Sport Sport Genova

Genoa, Preziosi “Spero di cede presto la società”

0
CONDIVIDI
Preziosi

GENOVA 25 MAG. Per Preziosi prima il pranzo di lavoro con il tecnico Juric per un aggiornamento sullo stato delle cose a salvezza acquisita. Poi un cordiale incontro a Palazzo di Giustizia per precisare il senso di recenti dichiarazioni. E infine un altro rendez vous a Pegli, tra i saloni di Villa Rostan, per salutare i giocatori a cui si è rivolto con animo diametralmente diverso rispetto ai precedenti blitz. Un discorso che ha ricevuto al termine applausi scroscianti. La certificazione della permanenza nella massima serie per l’undicesima stagione consecutiva, un piccolo, grande record nel secondo dopo guerra, ha tolto a tutti un peso sullo stomaco. “Era giusto incontrare il mister per ringraziarlo, stabilire le cose, chiarire qualche aspetto. Siamo due personaggi caldi, spontanei, sinceri. Per me è uno degli allenatori più preparati. Le fortune di un tecnico poi dipendono anche dal parco giocatori, non c’è dubbio che sia necessario innestare qualità. Ripartiamo da Juric. Confermo la mia volontà di cedere la società e disegnare un futuro diverso senza più il sottoscritto e mio figlio Fabrizio . Lui ha espresso l’intenzione di non essere più coinvolto, pure Milanetto non proseguirà la sua avventura e non certo per i rapporti con una frangia della tifoseria. Il Genoa è un club in assoluta sicurezza e sono pronto a onorare gli impegni finché ci sarò. Voglio allontanarmi dal calcio e dalla luce dei riflettori. Il toto-compratore? Lo lascio a voi giornalisti, ogni giorno vedo che ce n’è uno nuovo. Sono confidente che possa concretizzarsi una soluzione nel giro di un mese e possano esserci novità prima del prossimo campionato. O si chiude presto o vado avanti. Voglio vedere se ci sarà un partner, un compratore, se è serio e le disponibilità finanziarie a garanzia”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here