Genoa-Perugia, Juric “Massima attenzione”

0
CONDIVIDI
Juric: abbiamo vinto osando

GENOVA 1 DIC.  Nessun calo di concentrazione, occorre lottare come animali. Motori accesi e avanti tutta. Per cercare di passare il turno il Genoa si sta preparando a sudare le proverbiali sette camicie, contro un’avversaria che non verrà a fare vetrina tanto per fare. “Mi aspetto una prestazione tosta” racconta mister Juric. “La Coppa Italia è una manifestazione che può regalare emozioni e storicamente è stata un po’ sottovalutata dal Genoa, ma non penso sia una cosa giusta. Dopo l’allenamento deciderò la formazione con qualche cambio, scegliendo tra i giocatori che possono dare qualcosa in più. A qualcuno verrà dato il tempo di recuperare, qualcuno necessita di lavori extra. Schiererò la squadra più competitiva”. Il Perugia fuori casa fila come un treno. “Conosco la Serie B. Il Perugia gioca bene e adotta spesso il 4-3-3. Alcuni come Bianchi e Guberti hanno un passato in A, poi hanno tanti giovani molto bravi. Spero che la gara con la Juventus abbia lasciato strascichi positivi, è una vittoria che deve chiarire alcuni aspetti. L’anno scorso con il Crotone ci eravamo regalati tante emozioni e a Milano avevamo meritato la qualificazione sfuggita all’ultimo. Quando affronti avversari convinti e con la testa libera, ci sta correre dei rischi e andare incontro a difficoltà”.
Al centro dell’attacco sfreccerà l’autore della doppietta che ha contribuito a stendere la Vecchia Signora. Giovanni Simeone non ha urgenza di rifiatare. “E’ giovane e ha forza fisica, perché dovrebbe stare fuori? Inoltre ha fame di giocare. Per caratteristiche un altro che può dare una mano come prima punta è Gakpé tra chi ho a disposizione. Diverso è il discorso per Rincon che la scorsa settimana era stato impegnato già in lavori individualizzati. Sarà convocato regolarmente, ma lo vogliamo gestire. Non sempre si possono trovare quegli spazi come contro la Juventus per giocare sulle ripartenze. Altre volte si trovano squadre chiuse e devi sviluppare dei temi diversi. In porta? E’ probabile che la scelta cada su Lamanna. Contro la Juventus tutti si sono espressi sopra la media, per battere i campioni d’Italia non sarebbe stato possibile altrimenti. Ocampos può fare meglio, ma sta crescendo come presenza. In fase di possesso abbiamo due modi di attaccare a seconda dei lati da sfruttare. Quando hai spazi, lo ripeto, è più facile. In caso contrario devi essere pronto a sviluppare un calcio diverso”.

LASCIA UN COMMENTO