Genoa, Ntcham “Sono Qui Per Imparare”

0
CONDIVIDI
Ntcham
Ntcham

GENOVA 7 AGO. Si può correre incontro al futuro, tenendo i piedi per terra. Mica con la testa tra le nuvole. A Oliver Jules Ntcham, arrivato dal Manchester City, si predice una carriera importante. Avere la testa sul collo, sapere che lo studio è all’inizio porta a parlare così. “Sono qui per imparare e diventare calciatore. Tra le proposte ricevute, ho sempre voluto il Genoa, è stata una scelta consapevole. Qui ci sono i presupposti per migliorare sotto ogni aspetto”. I pensieri fluiscono come le accelerazioni. “Ringrazio il presidente per le parole e i complimenti. Sono concentrato con i compagni a perfezionare il gioco di squadra. Sì, ho ricevuto un’ottima accoglienza e le impressioni sono favorevoli. Mi piace l’ambiente familiare che si respira nel Genoa, mi ricorda i tempi del Le Havre. Non credo vi sia un segreto se diversi calciatori siano emersi lì. I giovani sono curati e gestiti bene. Il cammino però dipende da te”.

Se facessero un casting dei “Saranno famosei” lui avrebbe il posto assicurato. In prospettiva è accreditato di un potenziale come pochi nella leva 1996, beata gioventù. “Spero di trovare spazio e giocare il più possibile. Le caratteristiche sono di un interno di centrocampo, ma mi adatto a qualunque richiesta per le esigenze del mister e il bene del team. Se devo dire, ho una lieve preferenza per la parte sinistra, visto che calcio soprattutto con il destro”. Nell’Under 21 dei Citizens aveva come allenatore un certo Patrick Vieira. “Un tecnico bravissimo e con tanto da insegnare, visto il suo bagaglio calcistico. Mi ha raccontato parecchie cose e di quanto sia difficile e tattico il campionato italiano”. In attesa di dare gli esami tra i banchi della Serie A, tra le materie di studio annovera i movimenti di Yaya Touré. Il gigante del City. “Lo ammiro ed è un modello, però finisce lì”.

LASCIA UN COMMENTO