Genoa-Juve, Juric “Dovremo avere coraggio”

0
CONDIVIDI
Juric

GENOVA 26 NOV.  Coraggio, Grifo. E’ ciò che ti chiede il tuo mister, il tuo popolo e la tua storia. Davanti a un ostacolo grande come una casa, davanti a quel muro difensivo, serve tirare un profondo respiro e poi svuotare i polmoni. A rifiniture eseguite la marcia di avvicinamento è entrata nel vivo. Tutti compatti dietro mister Juric. Pronto a inventarsi qualche diavoleria per arginare lo strapotere della capolista. Complimenti a lei. Avanti Genoa. “Affrontiamo una squadra che gioca un calcio fantastico, con una mentalità che in Italia ha solo la Juve. Nei momenti di difficoltà non si scompone. A me sembra di sognare quando sento dire che non gioca bene. Ha obiettivi chiari, corrono tutti, sono fortissimi e danno il massimo. Si è visto anche in settimana a Siviglia. Cambiano con facilità immensa moduli, tattica e formazioni, i risultati sono gli stessi. Hanno giocatori capaci di cambiare ruolo e adattarsi alle situazioni. Dovremo giocare con ritmi alti e sfruttare le occasioni. Giocare per il pareggio, con un atteggiamento prudente, sarebbe perdere in partenza”.

La classifica è buona con una gara da recuperare. I conti non tornano se si inquadrano però le opportunità sprecate. “Abbiamo raccolto meno di quanto meritato, al di là delle ultime due trasferte. Abbiamo commesso errori però sono convinto che finiremo questa prima parte di campionato in crescendo nonostante il calendario. Avremo qualche assente. Sono fiducioso per come ho visto lavorare la squadra, è pronta fisicamente e mentalmente a disputare la partita. Con uno spirito importante, grande coraggio e voglia di vincere. Quando sfidi squadre come la Juve il rischio di perdere esiste pure facendo il massimo, devi superare te stesso e sperare che giri per il verso giusto. In settimana abbiamo provato due o tre soluzioni, ho qualche dubbio di formazione che scioglierò nelle prossime ore. Gli attaccanti, centrali ed esterni, sono determinanti in una squadra. Stiamo lavorando sui nostri ragazzi per farli migliorare, perché le potenzialità ci sono per trovare continuità”.

«Indietro | Archivio (In evidenza, News, Notizie, Ultim’ora)

LASCIA UN COMMENTO