Genoa, Juric “Preziosi intenditore di calcio”

0
CONDIVIDI
Juric

GENOVA 13 OTT. Una lunga chiacchierata a campo aperto per la trasmissione “We Are Genoa”, in onda questa sera su Telenord. In cui mister Juric ha fatto il punto della situazione, raccontando quali coordinate segue e i concetti abbinati al modo di fare calcio. Questi alcuni stralci dell’intervento a pochi giorni dalla sfida con l’Empoli che può mettere le ali al Grifone. “L’allenatore deve stare attento a tutti i particolari nella gestione della squadra, se restiamo uniti davanti alle difficoltà e siamo forti caratterialmente ci guadagniamo tutti. Pretendo molto durante gli allenamenti, ma lascio la responsabilità ai giocatori di fare una vita da sportivi e professionisti. Quando ho iniziato ero più presuntuoso, da tutte le esperienze ho imparato. Dai colleghi che stimo rubo spunti che poi elaboro con le mie idee”.
L’importante nella filosofia di base è condividere ciò che si fa. A tutti i livelli. “C’è una grande unità d’intenti con la società, valutiamo e decidiamo insieme sulle scelte, tenendo conto dei parametri consentiti. Mi fa piacere che il presidente sia tornato allo stadio. Lui è un grande conoscitore e intenditore di calcio. Da giocatore non mi sentivo con lui al telefono. Ora dopo le partite ci sentiamo e le sue analisi sono sempre lucide. Se facciamo bene siamo tutti felici, se va male difendiamo la squadra: questi sono segnali importanti da lanciare. Importante come il sostegno dei tifosi. I mugugni allo stadio tagliano le gambe a chi scende in campo, il pubblico è stato fantastico quando è accaduto di andare sotto. Gli avversari risentono del clima se si rema tutti nella stessa direzione”.

LASCIA UN COMMENTO