Genoa, Izzo e Pavoletti in coro “Che orgoglio la Nazionale”

0
CONDIVIDI
Izzo del Genoa
Izzo
Izzo

GENOVA 19 MAG. Prime parole azzurre per  Leonardo Pavoletti e Armando Izzo, nella sala del centro federale di Coverciano, seduti accanto al portiere atalantino Marco Sportiello. “Sono riconoscente al ct per la chiamata dopo un campionato tra alti e bassi per via di un infortunio che ha rallentato la rincorsa. C’è felicità per questa convocazione, poi deciderà Conte sulla opportunità di continuare. Sulle orme di Paolo Rossi e Totò Schillaci? Sarebbe un sogno, ognuno però ha una sua storia ed è giusto che faccia il suo cammino. Forse se non avessi avuto quel contrattempo, ci sarei arrivato prima. Penso ad allenarmi bene. Il fatto di aver concluso la stagione in ottime condizioni è di aiuto. Preziosi e Gasperini hanno speso belle parole su di me, fa piacere perché non ne spendono spesso. Non penso al mercato o al futuro, ci mancherebbe. Solo all’azzurro”.
Tra i più giovani della compagnia ha preso la parola Armando Izzo, esplosivo nelle movenze e difensore dal repertorio completo. “Essere qui regala grandi sensazioni e spero di avere la possibilità di convincere il ct Conte in questi giorni. Ho fatto una lunga gavetta e arrivo allo stage dopo tutto il sudore speso. E’ un’emozione unica fare parte del gruppo. Sono abituato a giocare con la difesa a tre, conosco i meccanismi e questo è un vantaggio, visto che il Genoa adotta questo assetto. Accetterò serenamente qualsiasi decisione futura. Non ho pensieri di mercato che mi frullano in testa, sono concentrato a dare il massimo e mettermi a disposizione dei mister e dei compagni. Sono cresciuto con il mito di Cannavaro e e Nesta”. Nel pomeriggio per la Nazionale terzo allenamento in programma dall’inizio del ritiro.

LASCIA UN COMMENTO