Home Sport Sport Genova

Genoa-Fiorentina, Juric “I Viola giocano bene”

0
CONDIVIDI
Juric

GENOVA 14 DIC.  Calcio d’inizio dal punto in cui era stata interrotta la gara. Con 17’ e 30’ da cucinare, più eventuale recupero, prima di mettere a riposo le gambe nell’intervallo. Che durerà sino a un massimo di 15 minuti, a discrezione dell’arbitro Guida. Come a dire che il fuoco va acceso subito alto. Arriva la Fiorentina. Contro un osso duro servono ingredienti per insaporire le speranze. E una ricetta che metta in azione i canini, masticando la singolarità dell’approccio. “Non mi è mai capitata una situazione del genere” commenta mister Juric. “Secondo me la si deve preparare normalmente, con l’idea che sia una gara di 90 minuti. Quando ti soffermi sulla rosa della Fiorentina, pensi che hanno grandi potenzialità. Con il Napoli è la squadra che sta esprimendo il miglior gioco in questa fase, sta attraversando un ottimo periodo. Vale per tutti faticare quando trovi squadre che chiudono gli spazi nelle partite in casa. Quando vanno fuori e affrontano squadre che vogliono imporre il gioco loro ti fanno male. Ho grande stima di Sousa. A volte leggo certe cose e fatico a capire le analisi di altri. Lui gioca allo stesso modo perché l’impostazione è sempre la stessa, al di là di minimi cambiamenti. Ha lavorato benissimo sugli errori che la squadra commetteva. I miei giocatori hanno sempre dato il 100%, non ho visto cali. Cercheremo di partire forte e insistere sino alla fine”.
Nel primo assaggio stagionale il Genoa a tratti era sembrato cuocere gli avversari. “Ma non è che avessimo esercitato tutto quel dominio. Forse li avevamo sorpresi con due o tre cose, ma si era giocato neanche mezzora. Ripartiamo con Veloso che era stato ammonito e va ponderata una decisione sul suo impiego, in vista delle sfide che ci aspettano. Togliendo Pavoletti che tornerà dopo Natale, gli altri sono tutti disponibili. Pavo sta facendo passi in avanti ma il programma è quello. Il mercato non mi interessa. Ci sono tante partite da preparare in questi giorni e devi concentrarti su questo. Solo Rincon ha accusato un leggero affaticamento”. Davanti al Genoa con la difesa che ha subito meno reti in casa, l’attacco viola che è quello più prolifico in trasferta. “Quando la partita si apre sono micidiali nel colpire, con le loro qualità individuali e i volumi di gioco. A Milano abbiamo sbagliato sul secondo gol, per il resto abbiamo concesso poco o nulla a giocatori stratosferici”. Con il totem Burdisso protagonista di un campionato eccellente. “E’ strano a dirsi, lo vedo in crescita persino dal punto di vista tattico. Spero che continui così. A 35 anni è aperto a tutto e sta evidenziando prestazioni atletiche fantastiche”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here