Home Sport Sport Genova

Genoa, esordio Pellegri: il merito del settore giovanile

0
CONDIVIDI
Preziosi

GENOVA 25 DIC.  Un’altra medaglia al valore sportivo e al lavoro straordinario che il settore giovanile, negli anni della gestione del presidente e della famiglia Preziosi, sta producendo in termini di posizionamento e risultati. I numeri parlano da soli per il primo settore giovanile fondato in Italia (1902). Certi record restano scolpiti negli annali, nei cuori, nel palmares.

Ma non la dicono tutta. “L’esordio di Pellegri in Serie A e il record di più giovane esordiente in ambito nazionale rappresentano una soddisfazione, un premio e un regalo che mister Juric, in considerazione della sua sensibilità e formazione di tecnico nelle nostre giovanili, ha fatto a lui per i meriti acquisiti e di riflesso a tutti noi” afferma il responsabile del comparto Michele Sbravati. “E’ un riconoscimento per la dirigenza, gli allenatori e chi opera dietro le quinte nella struttura. L’avvento del presidente Preziosi è stato determinante in tutto questo. Pietro è un ragazzo che va lasciato crescere gradualmente. Ha i margini di miglioramento dei giovani con grandissime prospettive, ma deve continuare a lavorare sodo perché la strada è lunga avendo solo 15 anni. E’ un inizio, non un arrivo”.

Decine di giocatori che vivono di calcio, formatisi nelle nostre leve agonistiche e nel Genoa Cfc Scuola Calcio Barabino & Partners. La famosa Cantera a chilometri zero. Numerosi ragazzi che riforniscono il serbatoio delle Nazionali giovanili. “Dalla rosa della Primavera del tecnico Stellini, sino all’Under 15. Abbiamo molti elementi tenuti sotto osservazione dal coordinatore della Figc Viscidi”. Una serie di talenti che nel Genoa hanno spiccato il volo. Criscito, Perin, El Shaarawy, Sturaro, Cofie, Mandragora, Ragusa e tanti altri. Tre giocatori allevati nel settore giovanile schierati nell’ultimo match con il Torino. “E’ un orgoglio pure quello di avere accompagnato al nostro interno gli esordi di allenatori come Juric, Oddo, Torrente. Si è creato un bel movimento che viene alimentato continuamente. La nostra missione è essere utili alla causa della società, quando ci riusciamo l’obiettivo è raggiunto. Avere tanti genovesi e liguri che compongono gli organici è una prerogativa che ci rende orgogliosi e sprona a massimizzare ulteriormente il nostro impegno”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here