Genoa, Ansaldi “Mi piace giocare all’Attacco”

0
CONDIVIDI
Christian Ansaldi
Christian Ansaldi
Christian Ansaldi

GENOVA 5 SET.  Aprite le porte. Ecco un altro acquisto coi fiocchi. Quelle del Genoa Museum and Store si sono spalancate per salutare al Porto Antico le prime parole ufficiali di Cristian Ansaldi, salutato dai tifosi alla fine, pronti a invadere la Fiera del Mare per la Festa dei 122 anni sia sabato che domenica. Vincitore di sette titoli con il Rubin Kazan e di uno con l’Atletico Madrid, il mancino sta prendendo contatto con la nuova realtà.

“Ho grandi aspettative per questa parentesi professionale, ritengo il Genoa l’ambiente giusto per ripropormi ad alti livelli. E’ un grande club e voglio contribuire a renderlo ancora più grande, per ricambiare la fiducia e regalare insieme ai compagni delle gioie ai tifosi. Altre società avevano preso contatto con i miei procuratori, il Genoa è stata l’unica però a parlarmi direttamente. Penso che si possa fare un buon lavoro. Ho trovato un gruppo di buoni giocatori e di bravi ragazzi, è il posto ideale per come sono fatto io”.

La città di Genova, il popolo genoano, il club più antico in Italia. C’è stato un suo ex compagno che ha sponsorizzato la scelta e gli ha detto “vai tranquillo”. Uno di quei ‘figli della Nord’ che giocano la Champions dopo essere cresciuti nel settore giovanile. “Criscito mi ha parlato bene dell’allenatore, della squadra, della città e dei tifosi. Affronto questa avventura con la determinazione di fare del mio meglio. Tra una decina di giorni sarò pronto. Mi metto a disposizione per qualsiasi impiego, a livello di caratteristiche mi piace più attaccare che difendere. Non ho mai giocato in una linea difensiva a tre, sono disponibile ad adattarmi a tutte le esigenze”. La presenza di altri argentini in squadra, è stata immortalata dalle prime addentate di asado. Ad accendere il fuoco, capitan Burdisso.

 

“Complimenti a lui, asado fantastico. Conoscevo Perotti per i trascorsi comuni e anche i connazionali. Sto prendendo le misure e facendo conoscenza con tutti a poco a poco. Contro il Verona ho seguito la partita allo stadio, la squadra ha giocato una buonissima partita. Sono contento di venire a giocare in una squadra con una mentalità offensiva”.

LASCIA UN COMMENTO