Genoa a Neustift: arrivo tra cordialità ed entusiasmo

0
CONDIVIDI
Juric: abbiamo vinto osando
Juric
Juric

GENOVA 12 LUG.  I saluti all’arrivo del Genoa a Neustift, salito in montagna per ossigenare muscoli e propositi, sono stati cordiali come e più di sempre. La delegazione del Grifone, ‘scortata’ dall’aeroporto di Innsbruck dai rappresentanti del consorzio Val Stubai, ha raggiunto il ritiro in lieve anticipo sulla tabella.

Telecamere in azione, stendardi rossi e blu alle porte e i sorrisi del personale del Vitalhotel Edelweiss, capitanati dai titolari Roland e Manuela. L’accoglienza riservata, dopo tanti anni, non fa (quasi) più notizia. Piacere, sì. Pressoché immediati, dopo il pranzo cucinato dallo chef Piero, i sopralluoghi al campo da parte dello staff, per ottimizzare gli ultimi dettagli pre-allenamento (ore 17).

Cielo inizialmente soleggiato, tendente poi al rannuvolamento. E clima secco in contrapposizione con l’umidità lasciata in Liguria. Il sipario sulla nuova stagione è stato tirato. Ad accogliere il team pure un gruppo di genoani, un club diaficionados, che davanti all’hotel hanno fatto sentire a mister e giocatori il loto calore, in attesa di allungare gli occhi sul campo, dove è stata installata una copertura in tribuna. Addio ombrelli.

 

 

LASCIA UN COMMENTO