Home Cronaca Cronaca Savona

Gabbiani nidificano sul tetto di una scuola a Savona

0
CONDIVIDI
Gabbiani nidificano sul tetto di una scuola a Savona

SAVONA. 20 MAG. A Savona una coppia di gabbiani ha nidificato sul tetto della scuola infanzia di via Chiappino.

Dopo averlo segnalato alla Protezione Animali e prima ancora che i suoi volontari potessero controllare, l’addetta alla sicurezza dell’istituto ha richiesto l’intervento dei vigili del fuoco a toglierlo.

Nel nido c’erano due piccoli di gabbiano ed uno, spaventato, è caduto a terra morendo poco dopo, mentre il secondo è stato consegnato dai pompieri ai volontari dell’Enpa.


L’associazione ricorda che i gabbiani alle prese con la difesa del nido non attaccano mai direttamente uomini o bambini ma volteggiano minacciosamente attorno agli intrusi strillando; basta però alzare ed agitare le braccia per allontanarli; e basta pazientare un paio di settimane, quando giovani e genitori se ne voleranno via; la legge sulla caccia vieta inoltre il prelievo di qualsiasi piccolo uccello dal nido.

“La presenza dei gabbiani in città – scrive l’Enpa in una nota – è un fenomeno in crescita e di difficile soluzione, anche perché i comuni ignorano le proposte già avanzate da anni dall’Enpa per contenerlo e ridurlo.

Nel frattempo basterebbe conoscere i comportamenti animali per sdrammatizzare le situazioni e convivere con loro; un compito di corretta informazione, con lezioni di esperti ad alunni, insegnanti e mamme, che dovrebbero svolgere le scuole, invece di farsi venire crisi di nervi e distrarre i sempre pochi vigili del fuoco da vere urgenze.

Scuole ed istituti pubblici, ma anche amministratori di condominio, dovrebbero inoltre controllare, da metà marzo ad aprile, tetti e balconi e, appena le uova di gabbiano vengono deposte nel nido, ottenere dalla Regione l’autorizzazione a farle prelevare, come sta già accadendo da diversi anni in Emilia Romagna.

Lo spaventatissimo e dolorante “pullo” di gabbiano superstite ora crescerà, fino alla prossima liberazione tra circa un mese, assieme a decine di altri “compagni”, caduti o sfrattati dal nido, a cura e spese dell’Enpa, associazione privata senza aiuti statali i cui volontari, pochi, sono alle prese con oltre 2.000 soccorsi annui di selvatici feriti o in difficoltà.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here