Furto da Tigotà e tentativo di fuga: marocchino preso

0
CONDIVIDI
Furto di tonno ed ammorbidente: rumeno ed italiano arrestati

GENOVA. 28 OTT. Nel pomeriggio di ieri agenti del Commissariato Prè impegnati nel pattugliamento del centro storico, mentre camminavano in via Lomellini hanno notato un soggetto uscire di corsa dal negozio “Tigotà” con un voluminoso zaino.

I poliziotti, riconoscendolo come l’autore di numerosi furti in esercizi commerciali, lo hanno raggiunto e invitato a mostrare il contenuto del borsone.

Per tutta risposta l’uomo, un marocchino di 39 anni irregolare in Italia, dopo aver minacciato e spintonato con violenza un agente, si è dato alla fuga avviando così un rocambolesco inseguimento.

 

Lo straniero, con non poche difficoltà, è stato bloccato in via Morchi dagli agenti che, durante la corsa, sono riusciti anche a recuperare lo zaino, che nel frattempo il fuggitivo aveva gettato in un’area adibita alla raccolta dei rifiuti: all’interno c’erano 26 articoli di profumeria tutti rubati dal negozio “Tigotà”.

Le commesse dell’esercizio commerciale hanno poi raccontato ai poliziotti come il taccheggiatore, per guadagnarsi la fuga, avesse spintonato una dipendente che lo aveva fermato poco prima di uscire dal negozio, facendola sbattere sulla porta d’ingresso.

L’uomo è così stato arrestato per rapina, resistenza e minacce a Pubblico Ufficiale; questa mattina sarà sottoposto a giudizio per direttissima così come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

LASCIA UN COMMENTO