Fresca e gioiosa La dodicesima notte di Sciaccaluga

0
CONDIVIDI
Fresca e gioiosa La dodicesima notte di Sciaccaluga

GENOVA. 16 NOV. «Lavorare con i giovani è sempre un’occasione per provare a reimparare qualcosa. I giovani con la loro voglia e con la loro fede mi seducono – aveva detto il regista Marco Sciaccaluga lavorando a La Dodicesima Notte con i ragazzi della scuola del Teatro Stabile di Genova di cui è direttore – E lavorare con loro su Shakespeare, dentro a uno stile da teatro povero, mi ha dimostrato ancora una volta che la povertà di mezzi, lungi dall’essere una prigione, è una terra di stimoli creativi».

Parole tanto sante quanto vere, diciamo noi, dopo aver visto il suo riuscitissimo spettacolo debuttato ieri sera al Duse dopo essere stato messo in scena nella scorsa stagione come Esercitazione affidata ai dieci giovani attori del Master della Scuola di Recitazione.

Marco Sciaccaluga infatti in questo lavoro sembra essere ringiovanito lui stesso di una trentina d’anni entrando profondamente nello spirito dei suoi attori e quindi dei giovani protagonisti di questo capolavoro Shakespeariano. Un gioco brillante in cui ogni personaggio trova il suo profilo vivace e ben definito.

 

Viola, la protagonista femminile indiscussa della commedia, figlia del duca di Messalina e sorella gemella di Sebastian, preso il nome di Cesario, sarà il motore scatenante degli intrighi della commedia. Daniela Duchi che ne veste il doppio ruolo è perfetta e convincente soprattutto quando parla d’amore al Duca Orsino di cui è nascostamente innamorata.

Il duca Orsino, dal canto suo, tra una corsa e l’altra con le cuffie in testa, in Marco De Gaudio trova la sua espressione più vera dentro l’immagine di un giovane d’oggi fatto di passioni effimere, tanto è vero che presto cambierà la sua attenzione d’amore da Olivia a Viola.

Roxana Doran è una dolcissima contessa Olivia, che come un’adolescente cade innamorata del giovane Cesario che altro non è che una fanciulla. Vista la bellezza e genuinità del ragazzo/a si dimentica del lutto che porta per il fratello morto perché l’amore quando arriva non guarda in faccia niente e nessuno, tantomeno la morte! Olivia/ Roxana è giosamente felice anche se all’inizio lui/ lei la rifiuta perché l’amore è vita, questo il messaggio forte e bello di Sciaccaluga.

Straordinario il personaggio di Malvolio interpretato da Roberto Serpi. Quando c’è lui in scena non è possibile non ridere. La sua è una comicità travolgente in cui sembra essersi specializzato in questi ultimi tempi. Lo abbiamo infatti apprezzato di recente anche nel maestro di danza de Il borghese gentiluomo.

Insomma uno spettacolo piacevole quello del neo Direttore della Scuola che scorre veloce e ci fa tornare a casa con il senso della freschezza che solo i giovani sanno infondere.

Lo spettacolo sarà in scena al Duse fino al 27 novembre.

FRANCESCA CAMPONERO

LASCIA UN COMMENTO