Frana Arenzano, dopo le verifiche l’apertura di una corsia

3
CONDIVIDI
La demolizione dei massi ad Arenzano
La demolizione dei massi ad Arenzano
La demolizione dei massi ad Arenzano

GENOVA. 3 AGO. Incontro oggi in Regione presso con l’assessore regionale alle Infrastrutture, Giacomo Giampedrone, per fare il punto sulla frana di Arenzano.

Sono intervenuti oltre ai dirigenti e tecnici dell’Anas, anche il sindaco di Arenzano, la Prefettura di Genova e l’impresa esecutrice dei lavori.

“Le esplosioni controllate, svoltesi nelle ultime 48 ore, hanno avuto esito positivo – ha dichiarato il Direttore Operation e Coordinamento Territoriale di Anas, Ingegner Ugo Dibennardo – consentendo la rimozione degli speroni rocciosi più importanti. A questo punto si potrà procedere con le attività di disgaggio manuale e di verifica della tenuta del versante di frana che a partire dalla giornata di domani sarà nuovamente posto sotto monitoraggio attraverso l’impiego di sensori”.

 

Il cantiere sarà attivo ininterrottamente, salvo la giornata di Ferragosto.
Nel corso della riunione Anas ha comunicato che, una volta effettuate le verifiche di sicurezza, sarà possibile, in una prima fase, la riapertura della statale a senso unico alternato, per poi procedere successivamente alla realizzazione delle opere di protezione passiva dell’infrastruttura e alla completa riapertura dell’Aurelia.

3 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO