Forza Nuova. Sabato Fiore inaugura i nuovi locali a Genova

3
CONDIVIDI
Sabato 26 settembre alle ore 17, Forza Nuova, alla presenza del segretario nazionale del Movimento Roberto Fiore
Sabato 26 settembre alle ore 17, Forza Nuova, alla presenza del segretario nazionale del Movimento Roberto Fiore
Sabato 26 settembre alle ore 17, Forza Nuova, alla presenza del segretario nazionale del Movimento Roberto Fiore

GENOVA. 24 SET. Sabato 26 settembre alle ore 17, Forza Nuova, alla presenza del segretario nazionale del Movimento Roberto Fiore, e di altri numerosi ospiti locali e nazionali, si svolgerà l’inaugurazione della federazione genovese.

Il programma prevede un comizio pubblico in Via Caprera e successivamente l’inaugurazione dei nuovi locali.

“Come spesso succede – si legge in una nota – la nostra manifestazione sarà accompagnata da una serie di ottemperanze di chi, in nome della democrazia, vorrebbe impedire con la forza non solo la manifestazione ma anche la nostra stessa presenza in loco.

 

Tutto ciò non preoccupa ma anzi rafforza le nostre convinzioni anche perchè i genovesi lentamente si stanno svegliando dal torpore che li avvolgeva da decenni e si stanno accorgendo che a forza di cantare ‘bella ciao’ si sono ritrovati precari, disoccupati, senza diritti, con una sanità a pezzi, senza infrastrutture, completamente isolati ed invasi da zingari ed immigrati.

Purtroppo chi ci rimette in queste occasioni sono i piu deboli ed infatti i bambini e i ragazzi della Parrocchia di Sturla non potranno svolgere la loro tradizionale cerimonia per la vicinanza logistica dell’oratorio al presidio antifascista.

Purtroppo a Genova tutti possono fare tutto tranne noi di Forza Nuova.

Anche se anche noi siamo vittime di questa situazione e non centriamo nulla con la chiusura dell’oratorio, ci impegniamo fin da ora a donare a Don Valentino Porcile, già nelle prossime ore, diverso materiale che potrebbe essere utile ai bambini e ai ragazzi della parrocchia di Sturla”.

3 COMMENTI

  1. Andate affanculo. Voi comuNisi di me… in una democrazia non si obbligano le persone a filantropare obbligando solo per la vostra malattia, i soldi della collettivita’servono soprattutto agli italiani poveri questo si chiama educazione civica venti anni per accontentare il vostro masochismo per gli immigrati b a s t a.

LASCIA UN COMMENTO