Foce, violenza e difesa fai da te: maghrebini bloccati da eroici genovesi

71
CONDIVIDI
Punta Vagno alla Foce: eroici genovesi bloccano maghrebini violenti
Punta Vagno alla Foce: eroici genovesi bloccano maghrebini violenti
Punta Vagno alla Foce: eroici genovesi bloccano maghrebini violenti

GENOVA. 26 LUG. Bimbi, anziani e donne sole o accompagnate che girano tranquille, gustano un gelato o prendono la tintarella.

Quello di Punta Vagno è un lungomare come tanti, ma le invettive pronunciate in arabo e l’odio verso chi li ha accolti fanno paura.

Gli immigrati irregolari, già mezzi ubriachi di domenica pomeriggio, hanno sfogato la loro rabbia lanciando pietre e minacciando chiunque gli capitasse a tiro con dei cocci di bottiglia.

 

Prima che ci scappasse il morto o un ferito grave, la violenza dei tre maghrebini l’altro giorno è stata fermata da un gruppo di eroici genovesi, che non hanno esitato a difendere la cittadinanza e chiamare il 112.

Gli uomini hanno disarmato e bloccato due nordafricani, che poi sono stati consegnati ai carabinieri. Un terzo immigrato è riuscito a fuggire.

I carabinieri del nucleo Radiomobile hanno denunciato gli stranieri per minacce, ubriachezza molesta, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Si tratta di un marocchino di 24 anni e di un algerino di 26 anni, entrambi senza fissa dimora in Italia e già conosciuti alle forze dell’ordine. Uno non aveva ottemperato a una decina di provvedimenti di espulsione e l’altro era uscito di galera da alcune settimane.

Lasciati liberi di vagolare per le nostre strade, seminando la paura fra tranquille famiglie in una domenica pomeriggio come tante.

 

 

 

71 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO