Focaccia genovese nel mirino di Toti: va meno salata

0
CONDIVIDI
Focaccia genovese nel mirino di Toti: va meno salata
Focaccia genovese nel mirino di Toti: va meno salata
La Regione Liguria fa il dottore e nel mirino di Toti finisce la focaccia genovese: va meno salata

GENOVA. 22 GEN. «Promuovendo stili di vita sani è possibile prevenire l’insorgere di malattie cardiovascolari che minano la salute della popolazione. Pertanto riteniamo necessario, sull’esempio di altre regioni come il Piemonte, creare una rete di collaborazione interistituzionale per il miglioramento dell’offerta alimentare e la promozione di scelte salutari in tavola. La prevenzione nell’insorgenza di patologie cardiovascolari, inizia proprio dal cibo: diminuire il quantitativo di sale contenuto in alimenti molto diffusi e a larghissimo consumo, come il pane, può ridurre sensibilmente l’incidenza di ipertensione, ictus e infarti».

E’ la proposta di Matteo Rosso, medico e capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, che oggi ha presentato una mozione per impegnare gli alleati della giunta Toti a “diffondere anche in Liguria una cultura dell’alimentazione come pratica di salute con particolare attenzione all’importanza della riduzione del consumo di sale negli alimenti”.

«Anche in Liguria dovrebbe già essere attivo da tempo un progetto analogo – ha aggiunto Rosso – ma non sarebbe stato recepito nella sua totalità dalla nostra cucina che richiede un pane salato come la focaccia e grissini».

 

 

LASCIA UN COMMENTO