Fido e pipì. A Santa con la bottiglia d’acqua

0
CONDIVIDI
A Santa Margherita l'obbligo di portare una bottiglia d’acqua durante la passeggiata con fido per lavare la pipì
A Santa Margherita l'obbligo di portare una bottiglia d’acqua durante la passeggiata con fido per lavare la pipì
A Santa Margherita l’obbligo di portare una bottiglia d’acqua durante la passeggiata con fido per lavare la pipì

GENOVA. 8 SET. C’è rabbia nelle parole del presidente della sezione genovese della Lega Nazionale per la difesa del Cane per l’obbligo di portare una bottiglia d’acqua durante la passeggiata con fido, non per dissetarlo ma per lavare dove ha sporcato.

Il Consiglio Comunale di Santa Margherita Ligure ha approvato una modifica al Regolamento di Polizia Urbana, introducendo l’obbligo ai conduttori di cani di portare con sé una bottiglietta d’acqua per diluire le deiezioni liquide dei propri animali a passeggio.

Una modifica a cui la Sezione LNDC di Genova ha prontamente risposto con una lettera del suo Presidente e Direttore Scientifico dell’Associazione Pier Luigi Castelli, che invita il Sindaco della cittadina costiera anche a un confronto su questo argomento.

 

“Rendendo le passeggiate in compagnia del proprio cane più difficoltose e scomode – si legge in una nota – tale provvedimento va decisamente contro l’idea di una città pet-friendly che, nel caso di una località a forte vocazione turistica, risulta ancora più incomprensibile. La raccolta delle deiezioni solide è un obbligo più che comprensibile e condivisibile, ma il lavaggio della pipì appare davvero una forzatura non necessaria e penalizzante per chi vuole fare due passi con il proprio migliore amico.

Considerando che la sporcizia delle strade non è un argomento che riguarda solo i cani, viene da chiedersi se il Sindaco abbia in mente altri provvedimenti singolari. Per esempio, si potrebbero obbligare le persone a portarsi dietro scopa e paletta per raccogliere la polvere generata camminando o magari straccio e ramazza per pulire le proprie impronte dal manto stradale nella malaugurata ipotesi che si risalga dalla spiaggia con i piedi bagnati. Scherzi a parte, LNDC crede che la tutela dell’ambiente e della salute pubblica – perché dalle carte questo sembra essere il motivo di tale provvedimento – si faccia in altro modo, per esempio limitando l’inquinamento ambientale e acustico causato dai veicoli a motore o, nel caso di una città di mare come questa, salvaguardando l’ecosistema marino ormai in grandissima sofferenza”. (nella foto: a passeggio con il proprio fido. A Santa Margherita ora sarà necessario circolare con una bottiglia d’acqua).

Comune di Santa Margheritahttp://www.comune.santa-margherita-ligure.ge.it/default.aspx?pageid=page1

LASCIA UN COMMENTO