FIAT, Cofferati: “Mettere fine elusione fiscale delle multinazionali”

0
CONDIVIDI
Sergio Cofferati parla dell'elusione fiscale delle multinazionali
Sergio Cofferati parla dell'elusione fiscale delle multinazionali
Sergio Cofferati parla dell’elusione fiscale delle multinazionali

FIAT, Cofferati: “Mettere fine elusione fiscale delle multinazionali”

GENOVA. 21 OTT. “FIAT e diverse altre multinazionali continuano ad utilizzare opachi e complessi meccanismi di elusione fiscale per pagare tasse minori del dovuto. E’ inaccettabile che, a un anno dallo scandalo di Luxleaks, tali imprese continuino a seguire strategie fiscali aggressive, facendo concorrenza sleale alle piccole medie imprese e rifiutando di dare il giusto contributo agli Stati in cui svolgono le loro attività”. Queste le parole di Sergio Cofferati, Europarlamentare del Gruppo S&D.

“E’ necessario – prosegue Cofferati – fare piena luce sulle strategie fiscali delle multinazionali e sui tax rulings. Le inchieste della Commissione Europea sono molto importanti, mentre del tutto insufficiente è stato invece l’accordo concluso dai ministri europei sullo scambio di informazioni sui tax rulings. Tale accordo impedisce infatti alla Commissione di esercitare un efficace ruolo di controllo e non produce nessun passo avanti verso la necessaria trasparenza”.

“Il Parlamento Europeo ha proposto nella Direttiva sui diritti degli azionisti l´obbligo per tutte le grandi imprese multinazionali di rendere pubblici i dati sulle tasse che pagano in ciascun stato (anche extra UE) nel quale operano e su alcune loro attività, nonché sugli elementi essenziali dei tax rulings che hanno ricevuto – conclude l’Europarlamentare. Le informazioni sarebbero quindi disponibili alle autorità fiscali ed al pubblico, rappresentando un efficace strumento per la lotta contro evasione ed elusione fiscale e un passo avanti significativo verso la trasparenza. Tali proposte del Parlamento sono attualmente in discussione con Commissione e Stati Membri ed è importante che siano approvate in tempi rapidi”.

LASCIA UN COMMENTO