Estorsione a donna sola accalappiata a Principe, arrestato tunisino

0
CONDIVIDI
segnalata la presenza di una bomba in prossimità della stazione Genova Principe
la stazione ferroviaria di Genova Principe:attenzione a farsi avvicinare da sconosciuti
la stazione ferroviaria di Genova Principe: attenzione a farsi avvicinare da sconosciuti

GENOVA. 11 GIU. Attenzione a farsi avvicinare da sconosciuti e finti gentiluomini, soprattutto nei luoghi pubblici come le stazioni ferroviarie.

I carabinieri del nucleo Investigativo, l’altro giorno hanno arrestato un tunisino 54enne poiché colpito da un provvedimento di carcerazione, dovendo scontare una pena di 4 anni e 1 mese relativa a tre  condanne per diversi reati tra cui minacce, estorsione, spaccio di sostanze stupefacenti e favoreggiamento, commessi a Genova tra il 2008 e 2010.

L’immigrato è stato rintracciato nella sua residenza nel quartiere di Marassi.

 

Tra le condanne, vi era anche quella per minacce ed estorsione nei confronti di una giovane donna brasiliana, che aveva conosciuto nei pressi della stazione di Principe. Nell’occasione, il tunisino si era offerto di affittarle un alloggio in città e quindi  le faceva visionare diversi alloggi di cui aveva la disponibilità.

La giovane, però, non si era accordata con il finto gentiluomo poiché insoddisfatta di quanto visionato ed il tunisino non accettando  il diniego, le aveva strappato dalle mani uno zaino che aveva al seguito con all’interno i documenti personali, quelli delle figlie ed una macchina fotografica, allontanandosi velocemente.

La sera stessa il tunisino aveva contattato la brasiliana, proponendole la riconsegna dello zaino e dei documenti in cambio 3.000 euro. Pertanto, la donna aveva accettato un nuovo incontro, ma in tale circostanza l’immigrato, oltre a ribadire la pretesa del denaro, l’avrebbe costretta ad avere un rapporto sessuale. Riuscita a scappare, la brasiliana aveva denunciato immediatamente il fatto.

Ora il tunisino è stato condannato e rinchiuso in carcere.

LASCIA UN COMMENTO