Estate meno “hot” a Chiavari: in vigore ordinanza anti prostitute

1
CONDIVIDI
Ordinanza anti prostituzione a Chiavari, ma solo per la stagione estiva
Ordinanza anti prostituzione a Chiavari, ma solo per la stagione estiva
Ordinanza anti prostituzione a Chiavari, ma solo per la stagione estiva

GENOVA. 21 LUG. Ordinanza anti prostituzione a Chiavari, ma solo per la stagione estiva perché la legge consente unicamente un uso temporaneo del pugno di ferro contro lucciole e clienti.

Tempi duri, quindi, per i vacanzieri del sesso sulle strade di Chiavari. Il sindaco Levaggi, come avvenuto nelle scorsi estati, ieri ha emesso un’ordinanza che punisce con multe salate (300 euro) chi si ferma a “contrattare” con le lucciole sparse sul lungomare e nella via adiacente la stazione ferroviaria.

L’ordinanza anti prostituzione è in vigore da oggi.

 

Il testo è sostanzialmente uguale a quello che era in vigore nell’estate 2015.

E’ previsto il divieto di “esercitare il meretricio e comunque concordare prestazioni sessuali a pagamento” e di “intrattenersi, anche solo per chiedere informazioni, con soggetti che chiaramente esercitino l’attività di meretricio”.

 

1 COMMENTO

  1. Affermo che le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.

LASCIA UN COMMENTO