Escort e mazzette per appalti, le richieste a giudizio

0
CONDIVIDI
Gino Mamone uno degli indagati per escort e mazzette per gli appalti
Gino Mamone uno degli indagati per escort e mazzette per gli appalti
Gino Mamone uno degli indagati per escort e mazzette per gli appalti

GENOVA. 31 OTT. Rinvio a giudizio della procura di Genova per dieci persone riguardo l’inchiesta sugli appalti per la gestione dei rifiuti a Genova con offerte di escort e mazzette a funzionari Amiu da parte di certi imprenditori.

I pm hanno contestato l’associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e la turbativa d’asta a Corrado Grondona, l’ex responsabile Affari generali Amiu; a Gino, Vincenzo e Luigi Mamone, imprenditori titolari della Eco.ge; a Stefano e Daniele Raschellà e a Claudio Deiana.

LASCIA UN COMMENTO