Ericsson e metalmeccanici, un corteo di mille lavoratori

0
CONDIVIDI
Ericsson, i lavoratori chiedono coinvolgimento istituzioni
I lavoratori della Ericcson agli Erzelli stanno per partire in corteo
I lavoratori della Ericcson agli Erzelli stanno per partire in corteo

GENOVA. 16 GIU. Dopo un corteo di circa mille persone che ha paralizzato il ponente cittadino sono rientrati nelle proprie sedi degli Erzelli e le altre i lavoratori di Ericsson ai quali si erano uniti anche i lavoratori di Esaote, Siemens, Ilva, Ansaldo Energia, Piaggio Aero e Selex.

Il tutto era iniziato alle 8.30 quando circa 400 lavoratori della Ericsson si erano dati appuntamento presso la sede degli Erzelli.

Poi era iniziata la discesa dalla collina verso Sestri Ponente e la riunione con altri lavoratori.

 

Il corteo è arrivato, intorno alle 10, all’uscita della A10 bloccandola in uscita; qui sono giunti rappresentanze di Ilva, Ansaldo Energia e Piaggio Aero.

Parte del corteo è passato in via Albareto per raccogliere anche i lavoratori della Selex, dopodiché è stato bloccato anche lo sbocco della strada a mare Guido Rossa e l’inizio di via Cornigliano.

Ci sono stati tanti disagi per il traffico, disagi che sono diminuiti nel momento in cui i lavoratori, intorno alle 11:30 hanno deciso di rientrare nelle proprie sedi.

I lavoratori hanno scioperato e manifestato contro la comunicazione da parte dell’azienda della presenza di altri 140 lavoratori in esubero in Liguria.

I lavoratori delle altre aziende, anche loro in difficoltà, in particolare i metalmeccanici, si sono uniti per solidarietà per il rinnovo del contratto nazionale e per sensibilizzare le istituzioni che secondo le Rsu: “si devono svegliare”.

LASCIA UN COMMENTO