Eredità Corini, sorella si avvale facoltà di non rispondere a pm

0
CONDIVIDI
L'avvocato Marco Valerio Corini. La sorella che era ai domiciliari è stata liberata
L'avvocato Marco Valerio Corini con il portiere Gigi Buffon: la sorella Marzia Corini ai domiciliari con l'accusa di omicidio volontario per avere accelerato la morte del fratello per l'eredità
L’avvocato Marco Valerio Corini con il portiere Gigi Buffon: la sorella Marzia Corini ai domiciliari con l’accusa di omicidio volontario per avere accelerato la morte del fratello per l’eredità

LA SPEZIA. 18 FEB. L’anestesista Marzia Corini oggi si è avvalsa della facoltà di non rispondere al pm che l’accusa di omicidio volontario ai danni del fratello, l’avvocato dei vip Marco Valerio Corini, morto il 25 settembre a La Spezia. Un triste caso di eutanasia, un fatto non penalmente rilevante o un crudele omicidio per l’eredità, che forse sarebbe dovuta andare alla nuova fidanzata delle Seychelles che l’avvocato aveva intenzione di sposare?

Sul caso si sono scatenati i giornali e sul giallo della morte di Corini è stata realizzato anche un servizio in Tv nella trasmissione Porta a Porta di Bruno Vespa.

Intanto, i legali della donna hanno spiegato che le intercettazioni vanno interpretate nel giusto contesto, l’accusa viene del tutto respinta e che la loro assistita si è avvalsa della facoltà di non rispondere per questioni tecniche attinenti la difesa: gli avvocati sono entrati in possesso delle carte dell’accusa soltanto ieri.

 

 

LASCIA UN COMMENTO