Entella, Troiano “I tifosi ci chiedono fatti, non parole”

0
CONDIVIDI
Michele Troiano
Michele Troiano
Michele Troiano

GENOVA 1 OTT.  Un avvio di stagione fulminante: la vittoria col Cesena aveva entusiasmato piazza e critica, poi l’impasse – da superare al più presto – che ha relegato l’Entella alle zone meno nobili della classifica. Tra alti e bassi sul piano collettivo, la costante di queste prime cinque partite è stata lui, Michele Troiano, pilastro al quale aggrapparsi in questo momento di difficoltà. “I tifosi si aspettano la reazione dell’Entella e noi vogliamo mettercela tutta per loro – dichiara il numero 8 con piglio da leader -. Per noi della vecchia guardia la partita con la Pro ha un sapore particolare, è una sfida dalla grande carica emotiva, vogliamo trasmetterla anche ai nuovi. I tifosi ci chiedono poche parole e tanti fatti e non abbiamo intenzione di deluderli”.

 

Questo è il tuo secondo campionato di B con l’Entella mentre nella vita privata sei diventato padre per la seconda volta. Possiamo dire che in entrambi i casi l’esperienza deve fare la differenza?

 

“E’ proprio così. Quest’anno siamo partiti benissimo con la prestazione e la vittoria col Cesena. La realtà dei fatti però dice che alla quinta giornata siamo ancora fermi a quei tre punti, per questo motivo abbiamo grande voglia di riscatto. Fare tesoro della passata stagione significa non commettere gli stessi errori”.

 

E per quanto riguarda il mestiere di papà?

“E’ stata un’emozione bellissima. Dopo Francesco (tre anni), è arrivata la piccola Ginevra. Siamo più preparati come genitori, leggermente meno apprensivi, sappiamo cosa aspettarci insomma”.

 

Per restare in tema di seconde volte, a giudicare dal tuo rendimento, anche atletico, sembrerebbe proprio che tu stia vivendo una seconda giovinezza.

“Mi sono allenato dal primo giorno senza intoppi e questo è un fattore che ha inciso nella condizione. Sono un ragazzo con una motivazione altissima, inoltre la retrocessione della passata stagione mi ha dato una grande voglia di rivalsa personale”.

 

A bruciapelo ti chiedo le tre parole chiave per introdurre Entella-Pro Vercelli.

“Senza dubbio fondamentale, poi prestazione che deve inevitabilmente portare a vincere“.

 

Il mister ha ventilato la possibilità di qualche cambiamento a livello tattico: per un giocatore esperto come te un eventuale cambio di modulo non rappresenterebbe un problema.

“Ma non solo per me. Questo è un gruppo con giocatori importanti che possono adattarsi a qualsiasi modulo o accorgimento che il mister sceglierà di adottare. Voglio però aggiungere che secondo me gli schemi contano fino a un certo punto, la differenza la fanno le metivazioni che uno mette in campo”.

LASCIA UN COMMENTO