Home Sport Sport Genova

Emozionante cerimonia d’apertura per gli Europei Master di Chiavari

0
CONDIVIDI

GENOVA. 25 MAG. Dopo le note di Mameli, suonate dalla Banda della Marina Militare di La Spezia, è iniziata la cerimonia di apertura di questo evento sportivo internazionale che ha già incamerato un primo importante risultato, registrando il record assoluto di iscritti nella storia degli Europei Master. Uno spettacolo di forte impatto visivo con protagonisti atleti e ginnaste, ma anche rievocazioni degli antichi duelli, in un percorso dedicato alla storia dell’arma bianca. Poi ancora i volteggi degli sbandieratori scanditi dai rulli dei tamburi, fino alla parte finale della 9° sinfonia di Beethoven, colonna sonora ufficiale della Comunità Europea.

E’ stato il Presidente del Comitato Organizzatore, un emozionato Giovanni Falcini, ad aprire i saluti, a cui sono seguiti quelli del Presidente della Federazione Italiana Scherma, Giorgio Scarso, del Sindaco di Chiavari, Roberto Levaggi e della Presidente della European Veterans Fencing, Caryl Oliver.

Dopo l’inaugurazione istituzionale, i Campionati cedono ora il passo alla parte agonistica, confermandosi un vero e proprio inno alla longevità sportiva. Se nelle categorie over 40 gli atleti proseguono, di fatto, l’attività mai interrotta, è tra le categorie maggiori, fino alla over 75, che emerge prepotente il fascino dello sport Master.


La scherma rappresenta una delle discipline più adatte alla pratica in età matura, confermandosi punta di quel movimento, ormai molto distante dal luogo comune che vede i Veterans come simbolo di un tempo sportivo passato. Basta assistere agli incontri per comprendere subito il valore tecnico e la disciplina agonistica che contraddistingue questi atleti. Anzi è proprio il maggior impegno richiesto in allenamento, la maturità tecnica e agonistica che sanciscono il successo crescente dello sport Master.

Saranno dunque quattro giornate di scherma autentico dove passione e impegno saranno assoluti, nella ricerca della stoccata vincente, per poter tornare a casa con una medaglia al collo, meglio se del metallo più prezioso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here