Ecuadoriana stuprata sul taxi abusivo dall’autista connazionale

1
CONDIVIDI
una minorenne è stata stuprata da patrigno ecuadoriano e ha dato alla luce un bimbo
Sampierdarena: una badante ecuadoriana ha denunciato per violenza sessuale un tassista abusivo connazionale
Sampierdarena: una badante ecuadoriana ha denunciato per violenza sessuale un tassista abusivo connazionale

GENOVA. 31 MAG. Lo conosceva di vista e sapeva il suo nome. Ogni tanto lo chiamava per una corsa sul suo taxi abusivo. Una brutta notte di alcuni giorni fa, però, il viaggio si è trasformato in un incubo.

Una badante ecuadoriana di 35 anni ha denunciato ai carabinieri di essere stata stuprata dall’autista connazionale, che da piazza Barabino l’aveva trasportata in una stradina accanto a lungomare Canepa anziché a casa sua a Rivarolo.

Gli investigatori hanno rintracciato, fermato e denunciato per violenza sessuale un 49enne, che è stato riconosciuto dalla vittima durante l’incidente probatorio di ieri.

 

La giovane immigrata aveva partecipato a una festa con amici a Sampierdarena e poi aveva telefonato al tassista abusivo per essere accompagnata a casa. Si erano dati appuntamento nella piazza, ma il 49enne, dopo averla caricata a bordo, aveva virato verso gli anfratti abbandonati a se stessi, non lontano dal Polcevera, usati da tossicodipendenti, clochard e prostitute.

Secondo la testimonianza, la 35enne era riuscita a liberarsi fingendo accondiscendenza ed invitando il presunto aguzzino a casa. Durante il secondo viaggio, appena il taxi abusivo aveva rallentato, la donna aperto la portiera ed era riuscita a scappare chiamando aiuto.

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO