Home Cronaca Cronaca Italia

E’ morto a 84 anni il giurista Stefano Rodotà, galantuomo a difesa dei diritti

2
CONDIVIDI
E' morto Stefano Rodotà, l’uomo col ‘pallino’ della privacy

ROMA. 24 GIU. Una vita spesa per difendere la legalità e i diritti per tutti. E’ morto ieri a 84 anni Stefano Rodotà: giurista, politico, accademico e Garante della Privacy. Era nato a Cosenza il 30 maggio 1933.

Ex parlamentare indipendente nel Pci di Berlinguer, dal 1997 al 2005 era stato il primo Presidente del Garante per la protezione dei dati personali.

Nel 2013 era stato candidato dal M5S (senza che lui lo chiedesse) per l’elezione del Presidente della Repubblica. Era stato votato dal Movimento 5 Stelle, Sinistra Ecologia Libertà, alcuni parlamentari del Pd.


Aveva insegnato in molte università europee, negli Stati Uniti, in America Latina, Canada, Australia e India. Scrisse la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.

I suoi contributi accademici sono stati soprattutto nel campo del diritto costituzionale, con riferimento al rapporto tra i diritti costituzionali fondamentali e quelli relativi alle tecnologie dell’informazione e il trattamento dei dati personali.

La camera ardente sarà aperta sabato alle 16 nella sala Aldo Moro di Montecitorio. Resterà aperta anche domenica dalle 10 alle 19.

2 COMMENTI

  1. L’unica cosa che ha fatto una boiata tremenda che non serve assolutamente a niente visto che siamo infastiditi decine di volte al giorno con proposte commerciali al cellulare per non parlare poi del fisso che è meglio non averlo piú

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here