E’ morto l’ex assessore Gabrielli

0
CONDIVIDI
L’architetto e professore universitario Bruno Gabrielli, 83 anni, è morto oggi a Genova
L’architetto e professore universitario Bruno Gabrielli, 83 anni, è morto oggi a Genova
L’architetto e professore universitario Bruno Gabrielli, 83 anni, è morto oggi a Genova

GENOVA. 4 OTT. Colpito da un aneurisma alcuni giorni fa, non ce l’ha fatta. L’architetto e professore universitario Bruno Gabrielli, 83 anni, oggi è morto a Genova.

Nel 1997 l’ex sindaco Pericu lo aveva nominato assessore all’Urbanistica e Centro storico. Dal 2001 al 2006 fu riconfermato dal centrosinistra con deleghe alla Qualità urbana e Politiche culturali. Dal 1976 al 1981 fece parte del Comitato tecnico urbanistico della Regione Liguria e negli anni Ottanta del Consiglio superiore dei Lavori pubblici a Roma, dove venne chiamato anche nel 2000.

Gabrielli è stato il padre della riqualificazione dei vicoli. Con il suo fondamentale impegno, Genova è riuscita ad ottenere la dichiarazione di patrimonio dell’Unesco per i Palazzi dei Rolli. L’architetto era molto impegnato nella sua attività a favore della Superba e il suo contributo è stato fondamentale per la trasformazione urbana della città, pure attraverso le opere per il G8 del 2001. Se a Palazzo Tursi, dopo Pericu, spesso discuteva con Marta Vincenzi, negli ultimi tempi lo si vedeva poco a parlare con Marco Doria. Amava progettare piani regolatori urbani, ma anche insegnare all’ateneo, dove era docente di Urbanistica e presidente del corso di laurea in Pianificazione territoriale, urbanistica e ambientale. L’Università di Genova nel 2007 gli aveva conferito la prestigiosa nomina di professore emerito.

 

Attivo professionalmente fino a pochi giorni fa, era stato chiamato dal sindaco di Bari per redigere il nuovo piano regolatore del capoluogo pugliese. Nella sua lunga carriera, Gabrielli si è occupato dei piani regolatori comunali e territoriali di Portofino, Imperia, Lavagna, Albisola Superiore, Montevarchi, Piacenza, Parma, Pescara, Pisa, Siracusa, Gubbio, Ostuni, Sassari, Verona, Bergamo. Fabrizio Graffione

LASCIA UN COMMENTO