Duo violoncello-pianoforte al Conservatorio Paganini

0
CONDIVIDI
Matteo Conchini al Conservatorio Paganini
Matteo Conchini al Conservatorio Paganini
Matteo Conchini al Conservatorio Paganini 

Duo violoncello-pianoforte al Conservatorio Paganini

GENOVA. 11 NOV. Il quarto appuntamento con la stagione musicale tenuta dai Docenti del Conservatorio è fissato per sabato prossimo, 14 novembre, alle ore 17 nella Sala dei Concerti dell’Istituto.

Un’occasione per proseguire la raccolta di fondi lanciata con lo slogan “Adotta uno strumento” e finalizzata appunto all’acquisto di nuovi strumenti per ampliare la dotazione dell’Istituto stesso.

Per il nuovo concerto, il “Paganini” ha chiamato un ex insegnante, il violoncellista Matteo Ronchini, attualmente docente al Conservatorio di Milano, accompagnato dalla pianista Francesca Rivabene. Il programma è dedicato a tre grandi protagonisti russi del primo Novecento: Prokof’ev (Sonata in do maggiore op. 119), Sostakovic (Sonata in re minore op. 40) e Stravinskij (Suite Italienne).

 

Matteo Ronchini ha studiato al Conservatorio di Milano con Bruno Vitali e Rocco Filippini. Si è perfezionato all’Accademia “W. Stauffer” di Cremona, con David Geringas, e con il Trio di Trieste alla Scuola Internazionale di Duino e all’Accademia Chigiana di Siena, ottenendo per entrambi il diploma di merito. Vincitore di Concorsi a cattedra, è docente di violoncello al Conservatorio di Milano e svolge intensa attività concertistica. Ha collaborato come primo violoncello con l’Orchestra da Camera Italiana diretta da Salvatore Accardo, suonando al Senato della Repubblica per il 50°anniversario della Costituzione Italiana ed effettuando numerose tournées all’estero.

Francesca Rivabene si è diplomata con lode e menzione d’onore sotto la guida di Lucia Passaglia presso il Conservatorio di Firenze; successivamente ha frequentato l’Accademia di musica di Cracovia con Andrzej Pikul. Negli ultimi anni si è avvicinata anche alle tastiere antiche. Grazie all’incontro con Pinuccia Carrer, ha svolto ricerche sulla musica milanese del primo Ottocento legata a figure femminili, con le quali ha partecipato a convegni e pubblicato articoli. Suona dal 1994 in duo pianistico con Michele Fedrigotti e dal 2007 con il flautista Lello Narcisi nel duo La Follia.

L’ingresso è gratuito a libera offerta.

LASCIA UN COMMENTO