Doria ha ridotto la sicurezza in città per centri sociali e abusivi

0
CONDIVIDI
Il coordinatore provinciale del sindacato Diccap-Sulpl Claudio Musicò ha depositato un esposto in procura contro gli internauti che offendono e insultano i cantuné per il caso dell'81enne cardiopatico rinchiuso in galera solo per oltraggio a pubblico ufficiale
Il coordinatore del sindacato Diccap della polizia municipale genovese Claudio Musicò sgrida l'assessore Fiorini: giunta Doria ha intenzionalmente ridotto fondi,mezzi e agenti
Il coordinatore del sindacato Diccap Claudio Musicò sgrida l’assessore Fiorini: giunta Doria ha ridotto mezzi, agenti e fondi a polizia municipale per valorizzare centri sociali e abusivi del mercatino illegale

GENOVA. 27 GEN. Il coordinatore del sindacato Diccap della polizia municipale Claudio Musicò ieri ha letto il nostro articolo di cronaca politica sulle dichiarazioni dell’assessore Elena Fiorini in Sala Rossa, riguardo la sicurezza in città. Ecco l’allarmante e preoccupante replica di oggi del rappresentante dei lavoratori alla giunta Doria:

“Egr. Assessore, non è mia intenzione entrare nel merito di quanto accaduto a Certosa e trovare responsabili a quanto accaduto. La mia riflessione vuole solo prendere in esame alcune Sue dichiarazioni apparse su “Liguria Notizie.it” del 26/11/2016 “Omicidio Certosa, Tursi: fatto tutto il possibile per prevenire”: Centinaia di controlli e di sanzioni…Continueremo a fare quanto è in nostro potere.

E’ certamente vero che le frasi devono essere contestualizzate e analizzate nel loro insieme, così come non è possibile ridurre o nascondere alcune verità oggettive. Ad esempio, che il Corpo di Polizia Municipale abbia fatto tutto il possibile per prevenire è sicuramente vero, ma lo ha fatto con la riduzione di mezzi, di risorse economiche e umane per scelta consapevole dell’amministrazione comunale.

 

Il risultato è stato uno sforzo enorme, ma che non ha impedito nel 2015 un aumento del 25% dei morti sulle strade genovesi. Allora, la domanda che Le ho già rivolto più volte è sempre la stessa: perché a fronte di scelte politiche diametralmente opposte alla sicurezza, come ad esempio il “progetto chance” (quello per favorire gli abusivi al mercatino illegale di corso Quadrio, ndr) o la valorizzazione dei centri sociali con soldi spesi per sedi mai usate, Lei ogni volta ripete che c’è l’impegno massimo dell’amministrazione comunale?

Non potrebbe limitarsi ad esprimere la Sua opinione politica evitando di specificare quali siano state le scelte politiche sulla sicurezza?”.

 

LASCIA UN COMMENTO