Doria a Rossetti (Pd): fatti gli affari tuoi, noi avanti fino al 2017

0
CONDIVIDI
Il sindaco Doria al cantiere dello scolmatore del Fereggiano
Il sindaco Doria oggi ha replicato al vicepresidente del consiglio regionale Rossetti (Pd) che lo aveva accusato di non essere in  grado di tenere la maggioranza a Tursi: noi avanti fino al 2017
Il sindaco Doria oggi ha replicato al vicepresidente del consiglio regionale Rossetti (Pd) che lo aveva accusato di non essere in grado di tenere unita la maggioranza a Tursi: noi avanti fino al 2017

GENOVA. 25 FEB. “Andremo avanti fino alla fine della legislatura, ossia al 2017, come previsto, con il sostegno critico di tutti i consiglieri, pure di quelli fuorusciti dal Pd”. Lo ha annunciato stamane il sindaco Marco Doria, facendo spallucce e stigmatizzando le dichiarazioni di taluni esponenti del Pd, dopo la fuoruscita dal gruppo di Tursi di Gianni Vassallo, attuale consigliere ed ex assessore della giunta Vincenzi. In particolare, il vicepresidente del consiglio rgeionale Pippo Rossetti aveva accusato Doria di non essere in grado di tenere unita la maggioranza a Tursi.

“Il consigliere regionale Pippo Rossetti – ha dichiarato Doria – farebbe meglio ad occuparsi di Regione Liguria, anziché di quello che accade in Comune. Con Vassallo ho un rapporto politico senz’altro migliore di quello che lui ha con il gruppo Pd a Tursi. Ci sono altri consiglieri fuorusciti, come Malatesta, con il quale mi rapporto personalmente e che possono sostenere la nostra maggioranza”.

Il consigliere Vassallo l’altro giorno aveva annunciato l’istituzione del nuovo gruppo “Percorso Comune” insieme agli altri ex Pd Gozzi e Caratozzolo, mentre Malatesta rimane nel gruppo misto. Il consigliere di Sel Gian Pastorino, uscito dalla maggioranza in forte contrasto con Doria, è invece tornato al suo vecchio amore ed è entrato nel gruppo della Federazione della Sinistra al fianco di Antonio Bruno.

 

Marco Doria non ha ancora sciolto ufficialmente la riserva sul tema della candidatura bis alla poltrona di sindaco. Fabrizio Graffione

 

LASCIA UN COMMENTO