Dopo i sindaci, Paita attacca Toti: occupati della Liguria, non di Parisi

9
CONDIVIDI
La capogruppo regionale del Pd Raffaella Paita
La capogruppo regionale del Pd Raffaella Paita
La capogruppo regionale del Pd Raffaella Paita

GENOVA. 1 SET. “Le divisioni in casa del centrodestra non possono che farci piacere, ma fa davvero impressione la reazione di Toti all’ascesa di Parisi. Il governatore l’ha presa proprio male, tanto che nel tentativo di riguadagnare uno spazio nazionale ormai perduto, oltre a voler andare Pontida, ha detto persino di essere pronto a fondare il partito dei presidenti di Regione insieme a Zaia e Maroni. Di questo passo, però, Toti rischia di diventare la ruota di scorta della Lega: da successore di Berlusconi a portabandiera di Salvini”.

Lo ha dichiarato oggi la capogruppo regionale del Pd Raffaella Paita, che ieri si era schierata contro i sindaci liguri di centrodestra che si rifiutano di celebrare personalmente le unioni civili fra persone dello stesso sesso.

“Caro governatore – ha aggiunto Paita –  le sconfitte bisogna accettarle e andare avanti. E te lo dice una che l’anno scorso ha perso le elezioni regionali e quindi c’è passata prima di te. Quei disegnini sul logo del tuo fantomatico nuovo partito, poi, devo proprio dirti la verità, hanno qualcosa di esilarante. Forse sarebbe il caso che archiviassi le tue mire nazionali e ti concentrassi di più sul lavoro di presidente della Regione. Chissà, magari Berlusconi potrebbe accorgersi di nuovo di te”.

9 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO