Dopo Alisa (Sanità) arriva Alfa (Lavoro), M5S: solo più poltrone

0
CONDIVIDI
Il consigliere regionale M5S Marco De Ferrari

GENOVA. 12 OTT. “Con una manovra frettolosa, e senza ascoltare i lavoratori, la maggioranza ha scelto di andare al voto subito e approvare Alfa, che sostituirà Arsel aggiungendo poltrone e costi e tagliando servizi e personale”.

Duro l’attacco di Marco De Ferrari, consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle, sull’approvazione in Commissione III Attività produttive, presieduta dalla consigliera regionale del Carroccio Stefania Pucciarelli, della nuova Agenzia regionale per il Lavoro, la Formazione e l’Accreditamento.

“Un copione già visto nella sanità con Alisa, che si ripete quasi identico a distanza di pochi mesi – osserva il portavoce M5S – In un paese al primo posto come tassazione universitaria (oltre l’88% degli studenti paganti) e all’ultimo per numero di laureati (il 23,9% contro una media europea del 37,9%), Toti compie la solita operazione di maquillage con cui si sovrappone all’attuale management un’ulteriore figura di Direttore generale, affiancata da un Direttore d’Area, facendo lievitare poltrone e costi, a fronte di una contrazione di servizi erogati e del personale, come ha denunciato Unige in Commissione nei giorni scorsi”.

 

“Insomma – conclude De Ferrari, annunciando battaglia in Consiglio regionale – Cambiano i nomi, ma non cambia la sostanza: aumentano i costi, diminuiscono i servizi e a rimetterci, come sempre, saranno studenti e cittadini”.

 

LASCIA UN COMMENTO