Domenica 17 “A Compagna” invita la cittadinanza “A – o Paxo in zeneize” al Ducale

0
CONDIVIDI

acompagnapaxolnGENOVA 13 LUG. Domenica prossima 17 luglio alle ore 15:30 nel Cortile Maggiore di Palazzo Ducale l’associazione per la valorizzazione e la tutela della lingua e cultura ligure “A Compagna” del “patron” anima e cuore del sodalizio Prof. Franco Bampi, offre alla cittadinanza lo spettacolo “A-o Paxo in zeneize” (A Palazzo Ducale in genovese)

Ingresso gratuito. Sono disponibili posti a sedere

Tutti gli anni per la ricorrenza di San Giorgio, santo patrono dei Genovesi (23 aprile), “A Compagna” organizza uno spettacolo che vuol riproporre momenti della tradizione genovese con danze e canti dialettali in costume e musiche genovesi e liguri. Per una serie di circostanze, non è stato possibile fissare una data più vicina quella della ricorrenza, per questo l’incontro si terrà domenica 17 luglio.

 

Quest’anno l’attenzione è stata rivolta a gruppi liguri non genovesi che cantano in lingua ligure e che propongono interpretazione di ciò che è e di ciò che può essere la musica ligure di oggi e di domani.

I gruppi che parteciperanno allo spettacolo sono i seguenti.

Il Nuovo Gruppo Folcloristico Città di Genova, accoglierà gli intervenuti con antichi canti genovesi ed i costumi della tradizione popolare.

I Pertinaci della Sabazia di Giorgio Coggiola, voci dal Ponente Ligure (Varazze) proporrà storia ed attualità, riflessioni e divertimento.

I Mandillà, voci dal Tigullio (Moneglia) offriranno un omaggio a De Andrè… e non solo.

Il Gruppo De Juanuaicans con Marco Carbone ci farà incontrare una Genova che cambia musica: reggae in genovese!

I Nuovi Disertori, voci dal Tigullio (Sestri Levante) ci proporranno la loro musica di nuovi cantautori.

La conclusione come sempre è affidata al Nuovo Gruppo folcloristico Città di Genova per un finale musicale brillante, allegro e divertente.

Lo spettacolo è realizzato con la partecipazione gratuita di tutti gli artisti e con il contributo di “Genova Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura” che “A Compagna” volentieri ringrazia.

Marcello Di Meglio

LASCIA UN COMMENTO