DOMANI AL CHIABRERA LA GIOCOSA PRESENTA CARLO GALANTE

0
CONDIVIDI

Un momento delle prove di ieri
Un momento delle prove di ieri
SAVONA. 23 NOV. L’ Opera Giocosa di Savona, prosegue nel suo ammirevole itinerario educativo volto non solo alla riscoperta di vecchi libretti dell’ Opera Buffa, ma anche alla riproposta di grandi classici, o alla commistione tra vari stili ed epoche, sceglie questa volta di aprire alla commedia musicale. Grande interesse dunque suscita il debutto (nell’ ambito del benemerito “Progetto Scuole”) di domani de “Il labbro esplode, la coppia scoppia“ di Carlo Galante. Si tratta appunto di una commedia musicale, libretto di Stefano Valanzuolo, liberamente tratta da dal racconto Il caso di Lady Sannox di Arthur Conan Doyle. La commedia ha già debuttato sabato con successo al Teatro Comunale Luciano Pavaroti di Modena. Un giornalista nevrotico, un orologio impazzito alla parete e un foglio di giornale da riempire: et voilà, ecco che dal suo taccuino spuntano i più svariati personaggi. Il chirurgo plastico con la passione, morbosa, per le piante e amante a tempo perso, la frivola gran donna ed il marito geloso e senza scrupoli. Tradimenti, soldi e….tanto, tanto silicone. Con un finale esplosivo. Due le recite in programma domani mattina alle 10 ed alle 11 e 45. Il cast è formato da Francesca Tassinari (Petula, Lady Sannox), Mirko Guadagnini (Narciso) Matteo Ferrara (Lord Sannox), Toni Contartese (Giornalista).
La regia e l’ ideazione scenica sono di Stefania Panighini, i costumi di Massimo Carlotto. L’ Ensemble Strumentale Del Teatro comunale di Modena sarà diretto dal Maestro Carlo Boccadoro. E’ un’ opera nuova commissionata dal Teatro Comunale di Modena in coproduzione con il Teatro dell’Opera Giocosa di Savona. “ Si tratta- spiega il critico teatrale Adalberto Guzzinati- di una commedia, una passeggiata sul filo dell’ironia e del surreale, sempre in sospeso tra fantasia e realtà. Con delicatezza e senza moralismi”. Una visione ironica della realtà così spiegata dallo stesso regista: “La chiave di lettura è la scansione anatomica della realtà, la radice, attraverso la raffigurazione delle particelle e dei polimeri: per illustrare la struttura molecolare della fantasia. Una realtà immaginaria che vive della leggerezza dei pensieri e delle idee, che ci sottopone una storia fantastica, permettendoci di specchiarci e osservarci da vicino: una storia che ci deve far sorridere, ma allo stesso tempo ci offre lo spunto per pensare in modo profondo al nostro vivere”.
L’ autore Carlo Galante (Trento, 1959) si è diplomato in Composizione sotto la guida di Niccolò Castiglioni e Paolo Castaldi, presso il Conservatorio di Milano. Nel 1993 ha scritto il celebre “Dies Irae” del “Requiem per le Vittime della Mafia”, realizzato nella Cattedrale di Palermo. Autore di opere teatrali di successo fra cui Byzanthium (Musica nel Nostro Tempo 1991);Corradino (Teatro Comunale di Bologna, 1992);Ghost Cafè (Teatro Donizetti di Bergamo, 2000); Racconto di Natale  (Teatro Comunale di Modena, 2002) ed i balletti: “Fandango”(Teatro Filarmonico di Verona, 1992); Il fantasma di Canterville (Teatro Regio di Torino, 1995); Notturno a Milano (Tardi in piazza Duomo) (Teatro Filarmonico di Verona 2004). L’Opera Giocosa di Savona, mediante il Progetto Scuole, promuove da diversi anni, all’interno degli istituti scolastici di grado medio, inferiore e superiore, di Savona e provincia (cui si sono aggiunte anche le scuole di Imperia) attività volte a favorire la diffusione della musicale presso le giovani generazioni. Il Progetto muove fondamentalmente dall’intento di accendere e alimentare negli studenti la curiosità e l’interesse, se non l’amore, per la musica e di conseguenza stimolarli ad assistere alle rappresentazioni, contribuendo altresì a creare un pubblico attento e partecipe in quanto preparato e consapevole.
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO