Dissesto. Crivello: “Soddisfazione da parte di tutta la Giunta”

0
CONDIVIDI
Programma del Comune su lavori edili
Da Crivello soddisfazione per il Piano nazionale contro il dissesto idrogeologico e il relativo finanziamento per Genova
Da Crivello soddisfazione per il Piano nazionale contro il dissesto idrogeologico e il relativo finanziamento per Genova

GENOVA. 7 AGO. Ieri a Palazzo Chigi in merito al Piano nazionale contro il dissesto idrogeologico, il ministro dell’ambiente Gianluca Galletti e il ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio hanno annunciato lo stanziamento di 1 miliardo e 300 milioni per affrontare le priorità legate al dissesto idrogeologico e realizzare i cantieri più urgenti.

Di questa somma, ben 275 milioni verranno destinati a finanziare i cantieri della città di Genova.

A spiegarlo, a Tursi l’Assessore ai Lavori Pubblici e Manutenzioni Giovanni Crivello.

 

“Della cifra stanziata dal Governo, 275 milioni verranno destinati a finanziare i cantieri della città di Genova. Nello specifico, 165 milioni andranno per lo scolmatore del Torrente Bisagno, 95 milioni per l’adeguamento del tratto terminale del Torrente Bisagno, 5 milioni per lo scolmatore del torrente Rio Fereggiano e 10 milioni per lo scolmatore del Torrente Bisagno – stralcio Rii Noce e Rovare”.

Proprio Crivello, esprime “la soddisfazione dell’amministrazione, riconoscendo all’attuale Governo un impegno nei confronti della città che nessun altro Governo ha mai dimostrato, confermando gli impegni che il Presidente Renzi aveva preannunciato nei giorni successivi all’alluvione”.

Inoltre L’assessore sottolinea come “la città di Genova sia stata premiata in virtù del fatto che l’Amministrazione Comunale, con i suoi tecnici, ha avviato lo studio e i relativi progetti contro il dissesto idrogeologico affinchè, nei prossimi mesi, possano partire i lavori con l’apertura dei cantieri.

L’impegno della Giunta è testimoniato dai lavori, attivati e in pieno svolgimento, per lo Scolmatore del Fereggiano, intervento finanziato in gran parte dal Piano della Città e dal Comune stesso”.

LASCIA UN COMMENTO