Home Consumatori Consumatori Genova

Disastro treni verso il mare: insicuri, pochi e in ritardo. Interviene la Polfer

10
CONDIVIDI
Disastro, disagi e paura sui treni in Liguria

GENOVA. 2 GIU.  Dopo i casi di insicurezza registrati nelle scorse settimane con le risse, i vandali e i teppisti sui treni del mare a farla da padroni, stamane gli agenti della Polfer sono stati costretti ad intervenire perché i treni verso la Liguria erano pochi.

I turisti diretti verso la Liguria da Milano hanno preso d’assalto un convoglio, tanto che il capotreno ha dovuto fare intervenire la polizia ferroviaria. Il capotreno, non riuscendo più nemmeno a chiudere le porte dei vagoni per la gente stipata, ha fatto intervenire la polizia. E’ successo stamane intorno alle sette.

Il convoglio è partito dal capoluogo lombardo con un’ora di ritardo perché i passeggeri volevano salire, nonostante non ci fossero più posti a sedere, né in piedi. Costretti a stare schiacciati come sardine in quanto non erano stati previsti altri treni, nonostante il giorno festivo e la prevista bella giornata di sole.


Il treno ha poi accumulato ritardo lungo il percorso arrivando a Genova Brignole con 78 minuti di ritardo e con 100 minuti e Chiavari.

Il disastro delle linee ferroviarie verso il mare non è stato l’unico. Anche il regionale da Torino Porta Nuova,, diretto a Ventimiglia ha accumulato 45 minuti di ritardo a causa delle lunghe soste alle stazioni per fare salire l’elevato numero di vacanzieri. Stipati come sardine, ma in questo caso almeno non c’è stato bisogno dell’intervento delle forze dell’ordine.

 

10 COMMENTI

  1. La domenica li hanno tolti sia dal nord che riviere. Quando erano stupidi d’estate li aumentavano.. ma adesso costano e non ci sono soldi (per lasciare i treni ) grazie regione che sovvenziona… poco!!!

    • secondo me bisogna anche capire che in luoghi che sono un fazzoletto di terra (mi riferisco alle 5 terre, la realta’ a me piu’ vicina) non puoi far confluire migliaia di persone, anche se con mezzi pubblici (treni, traghetti , bus ) ….. un conto sono gli spiaggioni di Rimini, un conto sono paesini arroccati sugli scogli…… serve un turismo piu’ controllato

  2. Sono i regionali che mancano ma intercity e i vari freccia come se piovesse e Trenitalia è in attivo Grazie si suoi ” mastrussi ‘ alla faccia dei pendolari e dei bagnanti della domenica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here