DIBATTITO SU IMMIGRAZIONE ED OMOSESSUALITA’

0
CONDIVIDI
Iniziativa dell'Arcigay oggi sui bus a Genova

arcigayGENOVA. 18. GIU. Il 20 giugno 2015, h. 17:45 si terrà un dibattito al Suq Festival su immigrazione e omosessualità in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato.
Dunque approdo Arcigay Genova, con l’ospitalità e il contributo di  Suq Festival 2015, propone una riflessione in occasione della Giornata mondiale del rifugiato del 20 giugno dal titolo Minoranze Multiple: immigrazione ed omosessualità; durante il dibattito sarà trattato il tema delle difficoltà che un immigrato omosessuale ha nel chiedere lo stato di rifugiato in Europa e a convivere con la propria comunità nazionale dopo l’espatrio.
Infatti gli stranieri gay si trovano spesso, a causa dell’orientamento sessuale, ad essere doppiamente emarginati e quindi doppiamente minoranza; perseguitati in una Patria da cui sono fuggiti e con il timore dell’esclusione da parte della comunità di appartenenza una volta arrivati in Europa.

Il dibattito sarà introdotto da Claudio Tosi, Presidente di Approdo Arcigay Genova e i relatori saranno: Pier Cesare Notaro, responsabile del sito culturale  Il grande colibrì – Omosessualità ed interculturalità , che ci aiuterà a riflettere sulla situazione dei diritti civili nei Paesi di provenienza dei rifugiati che vivono accanto a noi.

Giorgio Dell’Amico, responsabile migranti di  Arcigay Nazionale, con il quale capiremo i problemi e la situazione normativa degli immigrati omosessuali in Italia.

 

L’Imam Ludovic-Mohamed Zahed, fondatore in Francia della prima moschea inclusiva e accogliente nei confronti delle persone gay in Europa e cofondatore di  CALEM – confederazione delle associazioni LGBT euro – africane musulmane.

L’argomento diventa più importante in questi giorni, in cui le notizie che ci arrivano parlano sempre più dell’immigrazione e delle sue difficoltà.
Arcigay ha quindi deciso di rendere noto in questa sede il suo contributo al benessere di ogni immigrato in quanto persona. Durante il dibattito sarà infatti presentato il nuovo servizio genovese dedicato agli immigrati LGBT (lesbiche, gay, bisex e trans).

LASCIA UN COMMENTO