Detenuto tenta il suicidio ad Imperia

0
CONDIVIDI
Un detenuto italiano in carcere ad Imperia per furto, ha tentato il suicidio mediante impiccagione
Un detenuto italiano in carcere ad Imperia per  furto, ha tentato il suicidio mediante impiccagione
Un detenuto italiano in carcere ad Imperia per furto, ha tentato il suicidio mediante impiccagione

IMPERIA. 24 SET. Un detenuto italiano in carcere ad Imperia per furto, ha tentato il suicidio mediante impiccagione.

Il fatto è avvenuto nella notte durante un cambio turno del personale con l’uomo che ha scelto un momento in cui la vigilanza è allentata.

Il detenuto è stato salvato in extremis ma la gravità delle sue condizioni hanno reso necessario il ricovero urgente presso l’ospedale di Imperia.

 

A darne notizia è Michele Lorenzo, segretario regionale del Sappe che ha dichiarato: “Un’altra vita umana salvata ma c’è un dramma nel dramma che s’individua nell’organico della Polizia Penitenziaria. Nel turno serale e notturno solo 3 agenti presenti nel reparto detentivo ed 1 al controllo monitor”.

Secondo il sindacato è ‘aberrante’ consentire che il ‘poliziotto di turno, per mancanza di personale, possa effettuare ben 16 ore di servizio continuativo, unica soluzione per trasportare e vigilare il detenuto ricoverato presso l’ospedale’.

Inoltre “E’ follia consentire che un detenuto, che per ben tre volte ha tentato il suicidio, permanga in una struttura non idonea per la sua patologia. Se il detenuto avesse portato a compimento il suo gesto, sicuramente la Procura avrebbe indagato il poliziotto di servizio, invece le responsabilità sarebbero da ricercare nei vertici dell’Amministrazione che non attenziona questi fenomeni”.

“Non si può continuare così – conclude Lorenzo – Sino ad oggi nell’istituto di Imperia la Polizia Penitenziaria ha fronteggiato 60 eventi critici, sventato 7 suicidi, 32 autolesionismi e 4 risse. Se questo corrisponde o meno agli standard europei o italiani, devono avere il coraggio di dirlo pubblicamente”.

LASCIA UN COMMENTO