Destini incriciati 3° edizione Rassegna nazionale di teatro in carcere

0
CONDIVIDI

GENOVA.  8 OTT. Organizzata da Teatro Necessario Onlus e Teatro dell’Ortica con la direzione artistica del Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere, ieri è stata presentata  la terza edizione della rassegna nazionale di teatro in carcere dal titolo: “Destini incrociati”, che ha anche il sostegno di Mibact, Ministero della Giustizia – Dap (Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria) e Prap (Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria) Liguria, Casa Circondariale di Genova Marassi, Casa Circondariale di Genova Pontedecimo, Regione Liguria, Comune di Genova, ed il contributo di  Compagnia di San Paolo e Iren.

La 3° edizione della rassegna si svolgerà a Genova dal 14 al 16 ottobre 2016 e la scelta sulla nostra città è stata fatta del Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere come riconoscimento all’attività ventennale portata avanti da compagnie e operatori cittadini nell’ambito del teatro sociale e pedagogico, grazie alla quale si sono sviluppate esperienze significative e una conoscenza della realtà carceraria diffusa anche all’esterno, fra i cittadini liberi, con l’obiettivo di migliore la vita di tutti. Un processo che ha dato origine anche all’edificazione del Teatro dell’Arca di Marassi, il primo in Italia a essere costruito ex novo dentro le mura di un carcere. “Destini incrociati” in tre giorni offre al pubblico sei spettacoli dal vivo, due conferenze, venti cortometraggi, la proiezione di uno spettacolo teatrale, cinque incontri, tre laboratori, due presentazioni editoriali e una visita guidata.

La rassegna si apre venerdì 14 ottobre (ore 10,30) nel Salone di rappresentanza di Palazzo Tursi, alla presenza del sottosegretario alla Giustizia onorevole Gennaro Migliore e del professor Michele Miravalle dell’Università di Torino, membro dell’associazione Antigone. Fra gli ospiti della Programmazione Teatro  c’è Salvatore Striano, interprete di “Monologo tratto dalla Tempesta di William Shakespeare tradotta da Eduardo De Filippo” (in scena sabato 15, ore 18,30, al Teatro dell’Arca) e autore del libro “La Tempesta di Sasà”.

 

Gli altri spettacoli in programma sono stati creati in diverse case di reclusione italiane: da Saluzzo viene “Amunì” (domenica 16, ore 15, La Claque del Teatro della Tosse); dal carcere di Spoleto viene “.AL.D.O – Acronimo sparso in quattro storie”, quattro monologhi di Aldo Nicolaj interpretati da Roberto Di Sibbio, detenuto in massima sicurezza; da Prato arriva “Proteggimi” (sabato 15, ore 17, al Teatro dell’Arca), in cui gli interpreti sono partiti da “Un tram che si chiama desiderio” di Tennessee Williams ; da Civitavecchia, invece, viene “Uomo si nasce” (sabato 15, ore 12, Teatro dell’Arca), per cui il punto di partenza sono i briganti dei “Masnadieri “ di Friedrich Schiller.

Diversi sono i lavori delle compagnie genovesi , il Teatro dell’Ortica presenta “Della luce e dell’ombra” (sabato 15, ore 21, Teatro Verdi di Sestri Ponente), nato dal lavoro condiviso delle detenute del carcere di Pontedecimo, i bambini della scuola primaria “Anna Frank” di Serra Riccò e i ragazzi della scuola secondaria di secondo grado “Don Milani” di Genova. Il Teatro Necessario proporrà la proiezione del suo ultimo spettacolo, “Padiglione 40, l’ordine imperfetto” (venerdì 14 ottobre, ore 21, Teatro dell’Arca), che ha debuttato lo scorso 5 maggio inaugurando il Teatro dell’Arca.

Tutto a ingresso libero, escluso gli spettacoli teatrali dal vivo, per cui è previsto un biglietto di 5 euro. Attenzione che per entrare al Teatro dell’Arca (dentro il carcere di Marassi) è obbligatorio prenotare entro il 10 ottobre, fornendo nome, cognome, data di nascita, numero di un documento valido e numero di telefono, via email all’indirizzo  HYPERLINK “mailto:[email protected][email protected] o telefonando al numero 010/8380120 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13.

FRANCESCA CAMPONERO

LASCIA UN COMMENTO